il bello del bello

Schermata 2015-03-17 alle 13.50.43la bellezza è tale perché ci rende responsabili.
come quando capisci quanto puoi essere bello e sai di non poterti più tirare indietro. come quando compi qualche cosa di bello e sai che non potrai più farne a meno. la bellezza ci dà il senso del futuro, ci spinge a non accontentarci di qualcosa di meno. il bello del bello è che ci spinge in avanti, ci dà la misura del domani, ci rende impossibile fare un passo indietro. come quando si apre quella bocca e mostra il contorno delle labbra, e tu lo sai che non potresti mai tuffarti dentro una bocca meno bella. come quando senti la risata che non ti aspetti e sai perfettamente che non potresti sopportare di sentire una risata meno bella, limpida, libera. la bellezza è un peso insostenibile e non è bello ciò che piace, è bello ciò che ti trasforma. ti trasforma perché mette a nudo i limiti di cui ti accontentavi ieri e li ridicolizza, ti dimostra che ora non puoi più sottrarti all’illimite di domani. quando guardi qualcosa di davvero bello il tuo occhio non vede più le cose brutte. quando pensi a qualcosa di meraviglioso il tuo cervello non si può più accontentare di qualcosa di banale. quando trovi ciò che ti libera, ciò che è bello per te, allora devi farti forza e importi di non tornare più indietro. perché il bello, così come la libertà, è un peso grande e ritornare sui propri passi per paura è una scelta davvero facile, comoda, inflazionata.
amico mio, se vedi qualche cosa di bello non potrai che esserne atterrito perché sai che tutto ciò che eri deve svanire davanti a quella bellezza, sai che indietro non si torna se non a costo dell’infelicità più totale. la bellezza, quella vera, è un viaggio di sola andata verso la mutazione e tu, tu che ora hai capito che cosa è bello, non puoi sottrarti a questa responsabilità. troppi sono gli uomini e le donne che hanno peccato di vigliaccheria e, una volta annusato il bello, leccato il bello, riconosciuto il bello, sono tornati a ciò che era meno bello, meno interessante, più banale, solo perché sapevano che le illusioni sarebbero state un infimo conforto per il cuore. eppure, ora guarda i loro occhi e dimmi: sono forse belli?
gli occhi di un uomo che ora non si accontenta d’altro che della bellezza sono ciò che non voglio più evitare di incontrare durante tutto il corso della mia vita. e quindi, ripeti con me…

quando troverò la bellezza non tornerò indietro, qualunque sia la conseguenza da pagare. 
quando vedrò la bellezza non vorrò posare lo sguardo su qualcosa di meno bello. 
quando sentirò la bellezza non avrò altro desiderio al di fuori del sentirla nuovamente. 
quando sarò bello, non cercherò alibi per imbruttirmi e nascondermi agli occhi di chi mi cerca.

Annunci

4 pensieri su “il bello del bello”

  1. come al solito sono senza parole…
    Tuttavia non posso fare a meno di notare che anche tu sei entrato nella fase orale: da leccare i respiri a leccare il bello il passo è breve..;))

    Liked by 1 persona

  2. a prescindere dal tuo modo accurato di scrivere, che si fa bere…questo tuo post, mi porta a fare, delle considerazioni di ordine sociologico e ti spiego.Verissimo quello che scrivi sulla bellezza, condivisibile e assolutamente inimmaginabile, pensare di poter non essere trasformati, dopo una visione di bellezza, come quello di un bel tramonto o di un giardino in fiore…e allora mi domando perché non ci sia una “educazione alla bellezza” che cominci sin da bambini, che coinvolga i nostri urbanisti, che la bruttezza crea disarmonia, grettezza, imbarbarimento lo avevano ben capito i nostri antichi greci…scusami sono forse fuori tema, perché siamo sempre più, a considerare la bellezza qualcosa di velleitario alla nostra vita e non inclusa, relegandola solo al puro e mero senso estetico di massa e meno a quella universalità che invece avevano capito i nostri avi.
    buona serata

    Liked by 1 persona

    1. la tua è la proverbiale domanda da un milione di euro. Purtroppo la bellezza fa paura proprio perché è veicolo di cambiamento e se siamo diseducati alla bellezza è perché siamo diseducati al cambiamento. Grazie per il passaggio e il commento! 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...