Tutti gli articoli di riccardodalferro

Riccardo Dal Ferro consegue il diploma classico a indirizzo linguistico presso il liceo “G. Zanella” di Schio (VI) e si laurea successivamente in filosofia presso l'Università di Padova. Collabora con numerose riviste, cartacee e online, trattando di attualità, filosofia, letteratura. Si occupa di storytelling e copywriting attraverso vari progetti multimediali. Dal 2007 insegna scrittura creativa e sceneggiatura e nell’anno 2009/10 collabora con la cattedra di “Storia del pensiero scientifico” del professor Fabio Grigenti, all'Università di Padova. Tra il 2012 e il 2013 pubblica tre volumi di racconti racchiusi nella collana “Sotterfugi”, edita da LA Case Books. Porta avanti un progetto di divulgazione letteraria e filosofica sul web attraverso il suo canale YouTube, partecipa periodicamente a conferenze e organizza seminari. È autore e interprete di molti monologhi teatrali a sfondo letterario, filosofico e satirico. Nel 2014 pubblica il suo romanzo d'esordio “I Pianeti Impossibili”, edito da Tragopano Edizioni. Nel 2015 è curatore e autore nella raccolta collettiva “Il Palazzo”, edita sempre da Tragopano. Nel 2015 fonda la sua Scuola di Scrittura e Creatività “Accademia Orwell” con l’obiettivo di creare un nuovo polo culturale italiano. Collabora con vari enti formativi e culturali sparsi su tutto il territorio come per esempio ENAC Lab e l’associazione Popsophia.

Libro del Mese di Settembre

Il seme della pazzia sta nel fatto che nessun uomo ha la più pallida idea di che cosa passi nella testa di colui che sente più vicino a sé. Non abbiamo alcun appiglio per sapere incontrovertibilmente quali siano i pensieri del nostro più amato e vecchio amico.

Se questo ci porterebbe alla chiusura di un solipsismo sfrenato, il problema si complica quando comprendiamo che il mio primo e più vecchio sconosciuto amico è… me stesso. Io sono impermeabile ai miei pensieri, conosco solo una infinitesima parte di quello che mi passa nella mente, conosco me stesso così poco da dovermi arrendere e giocare al gioco della vita senza metterne in discussione le regole.

Per questo “Elogio della Follia” di Erasmo è un testo di incalcolabile attualità: bisogna affrontare la follia dentro di sé per potersi rivolgere coscientemente al mondo là fuori. Ed è per questo che l’ho scelto come Libro del Mese di settembre, per i Mecenati di livello 6 che sostengono la mia attività attraverso il programma Patreon!

Come sempre, il Libro del Mese verrà da me acquistato e spedito a casa dei Mecenati, corredato da una scheda di lettura che arricchisca e faciliti la lettura del testo! Per riceverlo direttamente a casa, aderite al programma Patreon entro il 31 agosto! 😉

citazioneErasmo

Consigli di lettura luglio/agosto

Carissimi,

inizialmente non avevo intenzione di fare un video sui consigli di lettura estivi, ma dal momento che ho ricevuto una montagna di richieste… non farò lo stesso il video! 😀
Ho comunque trovato un modo per venire incontro alle richieste, ovvero quello di scrivere questo articolo dandovi i titoli dei testi che ho letto e sto leggendo, con una breve descrizione (e dovrete farveli bastare per tutta l’estate)!
Perciò, se siete pronti, ecco a voi i miei consigli di lettura per luglio e agosto!

LIBRI CHE HO LETTO RECENTEMENTE 
sapol1) “L’uomo bestiale”, di Robert Sapolsky. Un testo straordinario che smonta pezzo per pezzo i pregiudizi sulla visione dei geni come “padroni” delle nostre azioni. Sapolsky, biologo e genetista di livello internazionale, dipana con grande proprietà di linguaggio (e molto umorismo) la sua idea dell’interregno esistente tra geni e ambiente, laddove il nostro comportamento e le nostre azioni trovano la giusta dimensione. Un testo divulgativo adatto a tutti coloro che vogliono addentrarsi in questo interessante campo, ma anche agli specialisti che cerchino una visione alternativa sul problema del rapporto tra geni e decisioni.

esposito2) “Bìos. Biopolitica e Filosofia”, di Roberto Esposito. Un libro che in realtà ho riletto recentemente a distanza di qualche anno dal primo approccio. Un’opera densa di riflessioni sul mutamento che la politica sta subendo nel mondo contemporaneo, una politica sempre meno volta a dirigere le masse, sempre più propensa a entrare nella “vita nuda” e biologica degli individui. “Bìos” non è solo un ottimo compendio storico e bibliografico sul tema della biopolitica, ma anche una riflessione originale sul significato che essa riveste per noi e per la nostra quotidianità. Testo imprescindibile per chi sia interessato al tema della filosofia politica contemporanea, scritto benissimo, chiarissimo e lucido.

vonneg3) “Quando siete felici, fateci caso”, di Kurt Vonnegut. Questo è un libro che ho studiato per preparare il mio corso di Public Speaking online. Si tratta di uno dei miei scrittori preferiti e della raccolta dei suoi discorsi tenuti tra gli anni Sessanta e Settanta ai laureandi in giro per gli Stati Uniti d’America. Un testo di grande ispirazione, pieno di spunti non solo retorici ma contenutistici, di esempi e aneddoti, di umorismo e riflessività. Credo si tratti di uno dei miei testi preferiti di Vonnegut perché si assapora la levatura del personaggio, sia morale che intellettuale, e si viene trascinati in un vortice di bellezza discorsiva. Molto utile anche a chi vuole capire come si scrive un discorso efficace.

UN BEL ROMANZO? 
paradiso_degli_orchi“Il paradiso degli orchi” di Daniel Pennac. Una storia su Malaussène, il cui lavoro è fare il capro espiatorio. Probabilmente questo è diventato il mio romanzo preferito del ciclo di Malaussène: immediato e divertente, irriverente e caustico, una lettura breve ma intensa che secondo me è perfetta per la pausa estiva! Poi, va beh, è Pennac, quindi si va sempre a colpo sicuro!

LIBRI CHE STO LEGGENDO (con opinione parziale) 
rothbard1) “Potere e Mercato. Lo Stato e l’Economia”, di Murray Rothbard. Volete leggere un libro davvero eretico dei nostri tempi? Questo testo di Rothbard fa per voi. Io adoro gli eretici perché mi costringono a rivedere profondamente tutte le mie convinzioni. Rothbard lo sta facendo, e vi giuro che le sue argomentazioni sono solide e difficili da scomporre. Un anarco-capitalista come vi capiterà raramente di trovarne, un individualista politico tutto rivolto alla costruzione di una società della ricchezza e del benessere. Soprattutto, un economista che conosce molto bene ciò di cui parla. Sto divorando questo libro, ma attenzione: potrebbe persuadervi delle sue ragioni (e questo non è affatto un male).

friedman2) “Grazie per essere arrivato tardi”, di Thomas Friedman. L’ultimo libro di uno dei più importanti editorialisti del NYTimes, perciò una garanzia di ottima scrittura e piacevolissimo stile. Sul contenuto, il testo ripercorre le rivoluzioni tecnologiche degli ultimi decenni, con un particolare sguardo alla cosiddetta “Legge di Moore”, secondo la quale tutte le tecnologie avrebbero raddoppiato la propria potenza e dimezzato lo spazio e il costo necessari ogni due anni. Al fondo, l’invito ad “arrivare tardi” nell’epoca della frenesia anticipatoria. Lo consiglio come lettura estiva, ma anche come modo per riordinare alcune intuizioni, suggestioni e idee che magari troviamo sparse nella vita di tutti i giorni e non riusciamo mai a inquadrare in un paesaggio coerente.

Se poi volete regalarvi delle letture mensili interessantissime attraverso il mio servizio del Libro del Mese, aderite entro il 31 luglio al mio Programma Patreon! Il mese prossimo tocca a Günther Anders, con il suo “L’odio è antiquato”!

BUONA LETTURA! 😀 

15 luglio alla Social Academy di Ecofuturo Festival, Padova

Perché mettere insieme ambiente e comunicazione? 
Perché per risolvere le problematiche legate alla green economy, alla sostenibilità energetica e alla questione ambientale serve parlare in modo efficace direttamente alle persone, per far comprendere loro l’urgenza, l’opportunità e la bellezza che si celano dietro la scelta di costruire un’economia futuribile.

Ecofuturo Festival ha perciò deciso di inserire all’interno del proprio palinsesto una Social Academy, in cui alcuni tra i migliori professionisti nel settore della comunicazione web (tra i quali Jacopo Fo, Andrea Colamedici, Michele Dotti e Simone Canova) metteranno a disposizione le proprie competenze per dei corsi di formazione gratuiti.

Sabato 15 toccherà a me, con un corso di circa due ore sulla divulgazione fatta attraverso il mezzo video, in particolare Youtube. Parleremo di tecniche di diffusione, public speaking, retorica e persuasione, e il corso è volto a fornire le basi per capire quanto importante sia saper parlare davanti a una videocamera nell’epoca del social-sharing.

Come detto, i corsi sono completamente gratuiti, ma dal momento che Ecofuturo si è impegnata in modo così lungimirante, chiede un impegno altrettanto lungimirante a chi vorrà partecipare. Il requisito per iscriversi alla Social Academy infatti è quello di partecipare ad almeno 3 giorni del programma, dimostrando così di volerci mettere davvero tempo ed energie in questa iniziativa!

Al sito festivalecofuturo.myblog.it potrete trovare tutte le informazioni per iscrivervi e partecipare! Io vi aspetto numerosi al mio laboratorio di sabato 15!

socialacademy

Libro del Mese di agosto

Uno dei progetti filosofici più interessanti del Novecento fu la “Storia del Sentimento” di Günther Anders. Purtroppo, quel progetto non vide mai la luce perché l’autore si impegnò politicamente per trent’anni sulle tematiche del disarmo atomico, della non-violenza, del diritto internazionale.
Nonostante questo, Anders ci ha lasciato molte tracce sparse di quella ricerca affascinante, che partiva dal presupposto secondo cui “un uomo del Cinquecento amava in modo differente rispetto a un uomo dell’Ottocento; e così l’odio e l’ammirazione, la paura e la meraviglia, tutti i sentimenti hanno vissuto un percorso di mutamento che li ha trasformati. Nessuna epoca ha avuto lo stesso odio.”
“L’odio è antiquato” è una di quelle tracce, un testo fulmineo e profondo, che resta dentro come una cicatrice e che mette in discussione il nostro rapporto con questo sentimento così socialmente significativo. E lo sappiamo bene: oggi si odia in modo diverso da come si odiava ieri. 
Il Libro del Mese è un’iniziativa legata al mio Programma Patreon, il modo con cui una comunità di più di ottanta persone sostiene economicamente il mio progetto di divulgazione filosofica sul web. In cambio del sostegno economico, i miei Mecenati ricevono servigi commisurati al loro contributo: racconti mensili inediti e partecipazione a videoconferenze mensili, libri e magliette, iscrizione a forum privati di discussione e tante altre cose!
I Mecenati di livello 6 o superiore riceveranno il testo, da me acquistato e corredato da una scheda di lettura che faciliti la comprensione, direttamente a casa! 
Se volete saperne di più su come aderire, andate sulla pagina ufficiale del mio Patreon!
QUI trovate anche l’elenco dei Libri del Mese da gennaio in poi!