Libro del Mese: dicembre 2017

“I tiranni quanto più saccheggiano tanto più esigono; quanto più devastano e distruggono tanto più ottengono, quanto più li si serve tanto più diventano potenti, forti, per tutto annientare e distruggere. Ma se non si dà loro più niente, se non si presta loro obbedienza, senza bisogno di combatterli e di colpirli rimangono nudi e sconfitti, ridotti a un niente, proprio come il ramo che, non ricevendo più linfa e alimento dalla radice, inaridisce e muore.”
Étienne de la Boétie 

Una scena mi ha sempre colpito ed è descritta in molti testi che parlano di eserciti, guerre e sovrani. Federico il Grande sta a cavallo di fronte a centinaia dei suoi soldati e sussurra le seguenti parole all’orecchio del generale al suo fianco: “Non trovi strano che ci troviamo di fronte a tutti questi ragazzi, più forti e forse più intelligenti di noi, e non solo sarebbero pronti a tutto pur di sacrificare la loro vita per me, ma seguirebbero qualsiasi ordine che io possa dare loro, guidati da un timore che non ha niente di reale?
Il Re è nudo, ma è l’unico a saperlo. 

Il sovrano, quando scende dal piedistallo del proprio ruolo, trova assurdo che così tante persone possano accordargli un così grande potere. Eppure accade, non tanto perché ci sia realmente un dio dal quale discende un potere straordinario, quanto piuttosto perché le persone decidono volontariamente che è più sopportabile l’obbedienza incondizionata rispetto alla libertà naturale.

Il libro che ho scelto per il mese di dicembre è una delle più lucide e spietate analisi di questo fenomeno che così tante persone danno per scontato: Étienne de la Boétie, grande amico di Montaigne, stende un tappeto di critiche e concezioni caustiche sul concetto di potere e libertà, in quello che possiamo leggere sia come un efficace J’Accuse contro la condizione della servitù volontaria, sia come una critica all’esercizio di un potere che è sempre, per propria natura, illegittimo, ovvero quello dell’uomo sull’uomo.

Un testo di grande attualità, specialmente in un momento storico nel quale la gran parte dell’Occidente è convinto di star vivendo un’epoca di maggiore libertà, quando invece sono solo cambiate le condizioni e i luoghi di dominio, sia fisico che mentale.

Come ogni mese, il Libro del Mese verrà da me acquistato e spedito a casa di ogni Mecenate di livello 6 in su, corredato da una scheda di lettura che faciliti la comprensione e la contestualizzazione dell’opera.

Se volete ricevere questo testo direttamente a casa, aderite al mio Programma Patreon entro e non oltre il 30 novembre!

Annunci

Libro del Mese – Novembre 2017

“La fede è la più alta passione di ogni uomo. Ci sono forse in ogni generazione molti uomini che non arrivano fino a essa, ma nessuno va oltre.”
Søren Kierkegaard 

Perché Abramo non è un assassino? Perché, nonostante egli porti suo figlio fino all’estremo limite del sacrificio umano, noi non lo condanniamo? Abramo è perduto, ci dice Kierkegaard, ma solo dal punto di vista dell’etica e della mondanità. Perché il suo agire si può comprendere soltanto dal punto di vista della fede, della passione più sfrenata dell’uomo: insomma, Abramo si può comprendere solo quando vediamo che la sua relazione con Dio, con l’Assoluto, è individuale, irriducibile, Assoluta.

“Timore e Tremore” è un’opera abissale e straordinaria, una delle più lucide visioni filosofiche di che cosa sia la fede in relazione alla ragione e alla morale. Kierkegaard ci offre uno sguardo profondo e chiaro sull’abisso che si para di fronte ad ogni uomo quando egli si affaccia a Dio: la rassegnazione infinita, il salto nell’assurdo, la solitudine irrimediabile.

Ho scelto questo testo come Libro del Mese di Novembre perché lo ritengo una lettura istruttiva, tanto per l’ateo che vuole comprendere più a fondo quale sia la natura filosofica della fede religiosa, tanto per il credente che desideri scoprire un aspetto ancora più profondo, probabilmente mai toccato, della scelta religiosa. Per me, un’opera irrinunciabile per comprendere fino in fondo quale sia il rapporto tra l’individuo e il mondo.

Se vuoi ricevere direttamente a casa quest’opera, corredata da una scheda di lettura che ne faciliti la comprensione, aderisci al mio Programma Patreon entro il 31 ottobre dal livello 6 in su! Se vorrai fare questa scelta sono certo che non te ne pentirai! 😉

ACCADEMIA ORWELL DA OGGI SU PATREON

Una buona notizia all’orizzonte per Mecenati o aspiranti tali! 

Come sapete, parte del mio lavoro consiste nel tenere corsi di scrittura creativa presso Accademia Orwell, la mia scuola di narrazione e creatività con sede a Schio (VI). Ogni lunedì sera si tiene una lezione che fa parte di un programma annuale, volto a fornire i giusti strumenti per raccontare storie con libertà e soddisfazione. Ricevo sempre molte richieste da parte di persone che vorrebbero seguire i corsi ma non lo possono fare per mille motivi (tempo, trasporti o distanza geografica), ma da oggi la soluzione esiste!

Aderendo al mio Programma Patreon dal livello 3 in su potrete infatti avere accesso alle audio-registrazioni delle mie lezioni integrali, comprensive di teoria ed esercizi! Potrete perciò seguire in differita, al prezzo di 10 euro al mese, tutti i miei corsi che normalmente si tengono in Accademia Orwell, ascoltando le registrazioni delle lezioni! Non vi sembra una vera FIGATA? 😉

Oltre al corso di scrittura creativa, avrete la possibilità di ascoltare le registrazioni dei miei seminari residenziali (il prossimo è Lovecraftian Nights, ci sono ancora 2 posti a disposizione!) e delle conferenze che tengo frequentemente in tutta Italia, oltre a tutti gli altri corsi di Accademia Orwell!

Se volete avere maggiori informazioni a riguardo, scriveteci: accademiaorwell@gmail.com

Libro del Mese – Ottobre 2017

“Fine della nostra istituzione è la conoscenza delle cause e dei segreti movimenti delle cose, allo scopo di ampliare i confini dell’impero umano verso una sempre più completa attuazione delle cose che sono attuabili.”
Francis Bacon

La natura dell’essere umano è quella di scandagliare le cause “dei segreti movimenti delle cose”, ovvero di studiare la natura così come si presenta alla nostra esperienza. Se quest’affermazione potrebbe sembrarci piuttosto banale, essa non lo era affatto nel momento in cui Francis Bacon decise di dare alle stampe “La Nuova Atlantide“, nel 1624.

Pensate poi quanto può essere rivoluzionario un tale pensiero quando ci si accorge che ancora oggi molte persone sono tutt’altro che persuase dal fatto che per conoscere il mondo se ne deve fare esperienza e comprenderne le ragioni attraverso l’uso della logica. Bacone fu un rivoluzionario, niente di meno, e il suo pensiero rappresentò la radice ancora oggi non estinta del metodo scientifico che non si arrende alla constatazione che sia la magia a sorreggere il mondo, ma combatte con l’arma del cervello per trovare le cause materiali dei fenomeni del mondo.

Questa è la motivazione che mi ha spinto a scegliere “La Nuova Atlantide” come Libro del Mese per i miei Mecenati di Patreon. Un testo scritto in forma di prosa narrativa e perciò, dal mio punto di vista, ancora più ricco di interesse. Un romanzo filosofico straordinario che permetterà al lettore di comprendere più a fondo, e in relazione a se stesso, il vero significato della parola “scienza”.

Se vuoi ricevere questo libro direttamente a casa, corredato da una scheda di lettura che ne faciliti la comprensione, aderisci al mio Programma Patreon a livello 6 entro il 30 settembre! Sarà una scelta della quale sono certo che non ti pentirai! 😉