Martedì Sberle: non essere zio Vania

Mercoledì 6 giugno esce in tutte le librerie il mio nuovo libro “Elogio dell’idiozia”. QUI puoi prenotare la tua copia. Inoltre, domenica 3 giugno sarò a Roma per presentarlo in anteprima assoluta, QUI puoi prenotare il posto per non mancare. A Milano il libro verrà presentato invece venerdì 8 giugno, QUI l’evento. 
***

Non sei mai abbastanza.
Questa frase più che una sberla potrebbe sembrare un pugno di rottura del setto nasale. Quante volte sono atterrito dalla possibilità di non essere mai abbastanza? Quante volte sono bloccato, immobilizzato dalla consapevolezza che, non essendo mai abbastanza, non riuscirò nell’intento che mi sono prefissato?

È una fretta insana. Vuol dire cercare di fare in migliaia di anni quello che dovrebbe richiederne milioni e milioni, ammesso e non concesso che debba andare così, e io lo ritengo altamente improbabile. Nessuno è mai stato concepito per tenere questo ritmo, che è fatale! E non dirmi che è evoluzione, Edward, non sta certo a te decidere se continuare a evolvere o no. Quelle che fai tu, per tua stessa ammissione, è qualcosa di ben diverso. Tu, mi dispiace moltissimo dirlo, stai cercando di migliorare te stesso. E questo è innaturale, disobbediente, presuntuoso, e potrei aggiungere volgare, piccolo borghese e materialistico.

Con queste parole lo zio Vania, nello spassoso Il più grande uomo scimmia del Pleistocene di Roy Lewis, redarguisce Edward, indaffarato in quel millenario intento che chiamiamo “migliorare se stesso”. Zio Vania detesta chi cerca di migliorare se stesso, semplicemente perché è convinto che esistano forze che faranno il loro dovere al posto suo, ma soprattutto determinato nell’affermare l’impotenza dell’individuo nei confronti della natura e il primato di quest’ultima negli accadimenti del mondo.
Sia lo zio Vania che Edward si pongono incessantemente il problema da cui abbiamo iniziato: non sei mai abbastanza. Non sei mai abbastanza bravo da poter controllare la tua vita, non sei mai abbastanza in alto da poter comprendere tutto quello che ti sta attorno, non sei mai abbastanza da riuscire a raggiungere gli obiettivi che ti sei posto. Ma la reazione che essi mettono in atto nei confronti di queste considerazioni è diametralmente opposta.
Se da un lato infatti zio Vania resta immobile, convinto che quel “non essere mai abbastanza” sia un limite invalicabile del mondo, un ostacolo insormontabile che impedirà qualsiasi possibile azione legittima e di successo, Edward non smette di dimenarsi e di muoversi nel tentativo di scalare quella montagna infinita che è il progresso umano. Ma la vera differenza tra i due sta nel racconto consolatorio che lo zio Vania pone a giustificazione della sua immobilità. Infatti, egli resta immobile in “contemplazione” del mondo, fermo nella sua decisione di non fare alcun passo in nessuna direzione, semplicemente perché racconta a se stesso che la natura non può essere vinta, che ad essa non ci si possa sostituire. Quante volte sentiamo questa giustificazione? “Dobbiamo fermarci perché non possiamo giocare a fare dio!” Ma ovviamente, tra l’essere una divinità e il contemplare la natura immobile come una betulla ce ne passa. Edward, al contrario di zio Vania, non vuole affatto sostituirsi a dio, scavalcare la natura ed entrare in controllo del mondo, non è questo ciò che lo spinge a scoprire il fuoco e tentare di domarlo, costruire la ruota e imparare ad usarla, esplorare le terre circostanti per vedere che cosa c’è nel mondo. Non è al fine di diventare dominatore dell’universo, ma al semplice scopo di raggiungere uno spicchio di felicità.
Ciò che spicca dal discorso di zio Vania è infatti un rancore infinito, dovuto forse a qualche fallimento mai metabolizzato nel corso della vita. Vania non può più mettersi alla ricerca di qualcosa poiché, in quell’unica occasione nella quale ha tentato, egli ha fallito miseramente. Allora è vero che “non siamo mai abbastanza”: è sempre il fallimento ad attenderci dietro l’angolo. Il problema è che se il nostro intento è quello di raggiungere d’un sol salto ogni traguardo, il fallimento diventerà la scusa buona per non tentare mai più, per convincersi anzi che nessuno dovrebbe tentare mai più. Zio Vania è infelice poiché dai suoi fallimenti (che il libro non ci narra, ma che possiamo certamente intuire) ha imparato non solo che non si può avere successo, ma che nessuno dovrebbe mai più tentare di avere successo.
La spensierata idiozia di Edward è invece aria fresca, quando lo vediamo tentare e ritentare, continuamente fermato da fallimenti straordinari, costantemente colpito dall’evidenza di non essere mai abbastanza, ma voglioso di rilanciare ancora una volta per raggiungere quel poco di felicità che ogni essere sulla Terra deve potersi conquistare. Edward sa perfettamente di non poter avverare d’un solo colpo tutti quanti i suoi desideri, anzi: sa che il 99,7% dei suoi tentativi verrà frustrato da fallimenti ridicoli ed eroici. Ma gli sta bene così: la felicità sta in quello 0,3% e il suo compito non sarà quello di aumentare quella percentuale, ma di riviverla continuamente, più volte possibile, ritagliandosi indefinitamente una piccola felicità in mezzo ai fallimenti della vita.
Non sei mai abbastanza, questa è una verità incontrovertibile.
Chiediti se sei zio Vania, e di fronte a quella considerazione sentirti autorizzato all’infelicità e a desiderare il fallimento altrui o se sei Edward, e di fronte all’evidenza continuare gaiamente a ritagliarti i piccoli momenti di felicità che la vita riserva a chi non contempla il mondo come un vegetale.
Per questo compito io credo di essere abbastanza.

Annunci

I Cyborghesi (3)

CyborghesiLa Pascolizia ha disattivato Pberto.
Che vergogna. Cosa diranno i miei tecnolleghi? Cosa dirà Magdelettra? Quel ragazzo ci vuoi far morire di tictus, e un giorno lo farà, ne sono certo.
Gli archivi del cervello artificiale di Frankrak sono in subbuglio. Il Servocomandante dei Tecnarabinieri ha chiamato il numero cerebrale e ha trasmesso il messaggio: “Pberto SSL33, della cyberfamiglia SSL33, è stato disattivato per disordini sinaptici pubblici. Il robopadre è convocato in QuestuRob”
Che cosa ha combinato lo sciagurato? Frankrak era in non-riunione neurale con i tecnolleghi, altri digimpiegati del Ministero della Cibernautica. “Perché ti teletrasporti, Frankrak?” ha chiesto quell’odioso di Pierchip. Lui è il preferito del Ministro, quello che si becca promozioni, olio migliore, premi d’iperproduzione, tecnozoccole in quantità, e Frankrak si fa un quazzo così, ma mica si prende neanche un “Bravo, Frankrak”, no, lui non è il preferito. “Beh, Pierchip, a quanto pare c’è un problema con mio cyberfiglio”.
“Eh, le idee robolitiche…” ha risposto Pierchip, e una risatina elettronica ha attraversato tutta la sala virtuale dove si teneva la non-riunione. Bastardi, me la pagheranno. Io sono un chiptadino onesto, io pago le taxxe come tutti e sono un cyborghese di tutto rispetto, non è che solo per colpa di olio avariato nel tecnofeto di Magdelettra allora mi possono prendere per il coolo.
“Che cosa ha combinato stavolta?”
“Signor Frankrak, abbiamo intercettato suo figlio mentre distribuiva virtualmente olovolantini inneggianti a Robomarx e all’hackeraggio del Partito dell’IperNazione. Abbiamo spento suo figlio per precauzione, prima che venisse disinstallato. Siamo più clementi con i roboadolescenti. Ma mi auguro che abbiate maggior cura della sua educazione in futuro”, così ha risposto il Servocomandante, ma vi rendete conto? Come se fosse colpa del povero Frankrak! Quello sciagurato, quel demente! Quel… quel… quell’organismo di Pberto!! Oh, Frankrak, come puoi anche solo pensare parole così oscene? Torna in te. Non respirare.
“Va bene, ci staremo attenti, Servocomandante. Ora lo riporto a casa, ma Pberto è pesante. Potete riaccenderlo, per piacere?”
“Certo, ma stia bene attento…”
Click.
“… ma che quazzo…?”

***

inizialmente pubblicato qui