Un sogno erotico chiamato Trump

Narrativa

Manifestanti violenti nelle piazze d’America che picchiano sostenitori del neo-presidente eletto. Scarlett Johansson che ascolta corrucciata un discorso che denuncia le nefandezze di un presidente che ancora ha solo promesso nefandezze. Hollywood schierata, il Jet-Set schierato, gli intellettuali schierati.

La sinistra radicale americana non ha mai sperimentato una tale eiaculazione politica dai tempi del maccartismo. 

Di questo passo, tra 4 anni possiamo prevedere un plebiscito nella rielezione di Donald Trump, il vero sogno erotico della sinistra occidentale. Una sinistra che finalmente ha un nemico riconoscibile, compatto, coerente nella sua inaccettabile incarnazione. Una sinistra che ha vissuto di immaginario e fantasmi per 30 anni, inventandosi nemici per salire su un piedistallo invisibile e che oggi, finalmente, non deve fare più nient’altro perché ha inventato Donald Trump.

Come c’è riuscita? Facile a dirsi: il pugno di Robert De Niro, una Convention Democratica tra le più moraliste degli ultimi cento anni, gli Avengers nudi, Jim Fallon &co. La lista è lunghissima e ogni elemento che la popola tiene in sé un fil rouge riconoscibilissimo: l’irrealtà.

Donald Trump è senza dubbio il re della bufala e dell’anti-fact-checking, ma i suoi avversari sono stati i dominatori delle verità-detenute-contro-tutto-e-tutti e delle informazioni giuste date per scontate. Donald Trump è il sovrano dei negazionisti sul problema ambientale, ma i suoi avversari si sono messi d’impegno per far risultare più importante il fatto che fossero LORO a portare avanti la battaglia per l’ambiente rispetto al diffondere una corretta informazione sul perché la battaglia per l’ambiente è giusta e va combattuta. Donald Trump è senza riserve il peggior presidente possibile, ma i suoi avversari sono riusciti a sconfiggerlo nella gara a chi faceva la stronzata più grossa.

Non è un caso che l’immagine prodotta da Donald Trump sia praticamente identica (con i dovuti distinguo) a quella prodotta da Silvio Berlusconi in Italia 23 anni fa. Questo avviene perché quell’immagine è stata prodotta in larga parte dai loro avversari, i quali, in 23 anni, non sono cambiati per nulla. Per questo è un vero sogno erotico: Donald Trump è il risultato di due decenni di politica, retorica e discorso di sinistra in Occidente, così impregnato di irrealtà, di virtualità, da rendere inevitabile questa che è a tutti gli effetti un’eiaculazione di proporzioni globali. La vittima, se vogliamo, è stato l’ingenuo Barack Obama, capro espiatorio elettorale (più di Hillary Clinton) di un meccanismo che ha radici molto profonde.

“OH SÌ DONALD, DACCENE ANCORA!” gridano le star hollywoodiane, nella miglior esibizione sadomasochistica del nuovo millennio. Perché non solo non imparano dai propri errori (per esempio l’evidenza secondo cui il popolo è disaffezionato alle Star che mandano messaggi politici) ma reiterano, in piena sindrome di Stoccolma, i meccanismi che hanno portato a questo risultato.

Questa sera in Live parleremo del “Trumpismo” e io farò la parte della voce scomoda, in compagnia di Dellimellow, Leonardo Vannucci, Redazione Montaigne e Fratelli Frim. Si parlerà di ambiente e politica, di comunicazione e rapporti internazionali, di democrazia ed Europa, e cercheremo di creare un dibattito un po’ diverso da quelli che stiamo sentendo in questi giorni in TV e sui giornali. Se vorrete esserci, sarà una serata interessante!

La Live si terrà a questo link dalle 21: https://www.youtube.com/watch?v=Pazan-WuinU

Lettera Aperta ad Enrico Mentana

Filosofia

Gentile dott. Mentana,

ho seguito con interesse le vicende che l’hanno spinta a lanciare la querela nei confronti di Beppe Grillo, in seguito alle ignominiose dichiarazioni che quest’ultimo ha espresso sul suo blog. Premetto che io non sono né un giornalista né un politico, ma da filosofo e letterato mi ritengo un osservatore attento dei fenomeni sociali che si dipanano intorno a me. Mi sento perciò in dovere di indirizzarle queste righe per riflettere sull’accaduto in modo più approfondito di quanto la cronaca ufficiale oggi ci propone.
Se le sue parole sono state di certo legittime, dal momento che la calunnia di Grillo è non solo odiosa, ma anche fasulla e populista, vorrei riflettere insieme sull’effetto che le sue parole hanno avuto sull’opinione pubblica, il campo di battaglia dove si giocano le sorti politiche e sociali del nostro Paese.
Oggi Beppe Grillo si ritrova contro tutti i mezzi di informazione di massa: giornali, radio, televisione, tutti i giornalisti sono uniti in un sol coro a difendere con orgoglio la dignità di questa professione, l’onestà con cui viene portata avanti, la fatica e la professionalità che ne contraddistinguono l’operato. E questo, non vorrei mai essere frainteso, è assolutamente legittimo e comprensibile.
Ma, come in ogni riflessione che si rispetti, esiste un dato ulteriore da analizzare, che mi sembra venga posto colpevolmente in ombra in queste ore: Beppe Grillo vi ha portati esattamente dove voleva lui.