Libro del Mese – Novembre 2017

“La fede è la più alta passione di ogni uomo. Ci sono forse in ogni generazione molti uomini che non arrivano fino a essa, ma nessuno va oltre.”
Søren Kierkegaard 

Perché Abramo non è un assassino? Perché, nonostante egli porti suo figlio fino all’estremo limite del sacrificio umano, noi non lo condanniamo? Abramo è perduto, ci dice Kierkegaard, ma solo dal punto di vista dell’etica e della mondanità. Perché il suo agire si può comprendere soltanto dal punto di vista della fede, della passione più sfrenata dell’uomo: insomma, Abramo si può comprendere solo quando vediamo che la sua relazione con Dio, con l’Assoluto, è individuale, irriducibile, Assoluta.

“Timore e Tremore” è un’opera abissale e straordinaria, una delle più lucide visioni filosofiche di che cosa sia la fede in relazione alla ragione e alla morale. Kierkegaard ci offre uno sguardo profondo e chiaro sull’abisso che si para di fronte ad ogni uomo quando egli si affaccia a Dio: la rassegnazione infinita, il salto nell’assurdo, la solitudine irrimediabile.

Ho scelto questo testo come Libro del Mese di Novembre perché lo ritengo una lettura istruttiva, tanto per l’ateo che vuole comprendere più a fondo quale sia la natura filosofica della fede religiosa, tanto per il credente che desideri scoprire un aspetto ancora più profondo, probabilmente mai toccato, della scelta religiosa. Per me, un’opera irrinunciabile per comprendere fino in fondo quale sia il rapporto tra l’individuo e il mondo.

Se vuoi ricevere direttamente a casa quest’opera, corredata da una scheda di lettura che ne faciliti la comprensione, aderisci al mio Programma Patreon entro il 31 ottobre dal livello 6 in su! Se vorrai fare questa scelta sono certo che non te ne pentirai! 😉

Annunci

D.I.O. – Do It Ourselves

“Prego Dio che mi liberi da dio”
Meister Eckhart

Che rapporto esiste tra le scienze evoluzionistiche e Dio? E come si è svolto il turbolento rapporto tra la religione e la ragione? Quali sono i punti di collegamento tra la fede e il sapere empirico? E perché molti filosofi razionalisti erano anche uomini di fede?

D.I.O. è il mio nuovo seminario, in collaborazione con Luca Sadhaka, in cui cercheremo di ripercorrere i sentieri che incrociano la ragione filosofica e scientifica con la fede e la religione. Metteremo in discussione la fede dei credenti e la mancanza di fede degli atei. Cercheremo di approdare a un’analisi che non sia pregiudizievole, e lo faremo con gli strumenti che le nostre competenze ci forniscono: tra filosofia della scienza e spiritualità, tra pensiero religioso e razionalismo, D.I.O. cercherà di dare ai partecipanti gli strumenti per comprendere più a fondo le motivazioni che ci spingono a credere o non credere, ad avere fede o fiducia, insomma: Do It Ourselves, facciamocelo da noi, ‘sto dio!

Il seminario si svolgerà nello splendido contesto dell’ex-monastero di San Salvaro, a Urbana (PD), e il programma di massima (che verrà fornito su richiesta) prevede laboratori e seminari, ma anche molti momenti ricreativi e divertenti che ci permetteranno di trascorrere 48 ore in amicizia e convivialità. Mangeremo e dormiremo in compagnia, giocheremo e impareremo giocando, stringeremo amicizie e ci metteremo in discussione, come sempre avviene ai miei seminari!

Il costo di partecipazione, che comprende anche il vitto e l’alloggio dal venerdì sera alla domenica pomeriggio, è di 170 euro complessivi. I posti a disposizione sono solo 20 e alcuni sono già stati prenotati, quindi se la cosa vi interessa non perdete tempo e scrivete una mail: accademiaorwell@gmail.com 

Sarà una splendida esperienza!

flyer_DIO

Schermata 2017-03-28 alle 14.16.38 Schermata 2017-03-28 alle 14.16.55