La Mente, tra filosofia e psicologia: DE-PROG (28-29-30 settembre)

Il problema della mente è il problema del nostro tempo.
Come scrive David Chalmers: “Dobbiamo temere di non poter comprendere del tutto la mente umana poiché in quel caso non avremmo compreso davvero nulla del mondo.” Infatti, la nostra conoscenza e comprensione del mondo passa inevitabilmente per la mente, attraverso la coscienza, giù fino a questo luogo non-luogo in cui io sento di essere io, nel quale io penso e percepisco la mia esistenza. Eppure, è così difficile descrivere che cosa sia questa sensazione di essere un io, al punto che molti filosofi e scienziati hanno gettato la spugna, descrivendo questo fenomeno come una semplice illusione.
Ma anche quando mi convinco che tutto sia illusione sto pensando, sto usando la mente, sto producendo conseguenze tutt’altro che illusorie.

Così, le domande che affastellano la questione sono di primaria importanza per la nostra vita: che relazione esiste tra mente e cervello? Esiste una continuità reale nella mia identità, oppure quella continuità è un artificio evolutivo? Qual è il rapporto tra uno stato fisico e uno stato mentale? Esiste la possibilità di considerare libero il pensiero, oppure esso è determinato in modo meccanico dalle dinamiche corporee? Quale ruolo gioca la memoria nella costruzione del mio pensiero e della mia identità? E altre mille domande la cui risposta sfugge di continuo, lasciandoci spesso a bocca asciutta.

La complessità di questo tema non ci permette di adottare perciò un solo paradigma: le scienze cognitive non bastano a risolvere il problema della mente, né la neurobiologia sola. Allo stesso modo, filosofia e psicologia non possono permettersi di non dialogare, di andare ognuna per la sua strada, nel tentativo di comprendere la coscienza. E con questo spirito di mutua condivisione nasce “DE-PROG“, il mio nuovo seminario tra filosofia e psicologia intorno al problema della mente, con la partecipazione straordinaria di Gennaro Romagnoli, autore del progetto PSINEL.

Il seminario si terrà nel weekend del 28-29-30 settembre 2018, dal venerdì sera alla domenica pomeriggio, presso l’ex Monastero e ostello di San Salvaro, vicino a Padova e Bologna. 48 ore immersi in un contesto bellissimo, tra lezioni e conferenze, workshop e laboratori, ma soprattutto in un clima di amicizia e divertimento che renderà indimenticabile questo evento.
Per partecipare non è necessario essere esperti di alcunché, basta essere armati di tanta voglia di mettersi in discussione. Al resto ci penseremo io e Gennaro! 😉

Il costo del seminario è di 185€, quota nella quale è incluso quanto segue:
– pernottamento di venerdì 28 e sabato 29 settembre; 
– colazioni, pranzi e cene dal venerdì sera alla domenica pomeriggio; 
– partecipazione integrale al programma del seminario. 
Ci sono 18 posti a disposizione, ma la metà è già stata prenotata da partecipanti ai seminari precedenti, perciò se l’evento ti interessa scrivi una mail: accademiaorwell@gmail.com, riceverai il prontuario completo di programma con tutte le informazioni su come iscriverti!

flyer_DeProg

Annunci

FiloSoFarSoGood 1/3: la Superstizione

Clicca qui per scaricare gratuitamente il terzo numero di FiloSoFarSoGood!

copertina

Cosa significa essere superstiziosi? Quali sono le fonti del pensiero superstizioso? Siamo davvero capaci di liberarcene oppure la superstizione fa intrinsecamente parte del nostro pensiero? Queste e molte altre domande vengono poste nel terzo numero di FiloSoFarSoGood, la rivista filosofica che parla la lingua del pop!

Questo numero è possibile grazie al contributo della redazione, composta da
Ivan Corrado 
Emanuele Ambrosio 
Andrea Natan Feltrin 
Arianna De Rizzo
Mattia De Franceschi 
Davide Raguso 
Lilia Mauroner 
e grazie al contributo extra-redazionale di
Oreste Joshua Niccoli
Giulia D’Alterio 
Tommaso Riva
Giorgio Guido 
Michael Morelli 
Giacomo Di Persio
Nino Matafù 
Chiara Costantino 
Giovanni Citrigno 

Scarica anche gli altri due numeri:
PRIMO
SECONDO

Il Genio, l’Idiota e poi Noi – Thiene, 18.07

Mercoledì 18 luglio alle ore 21 presso la Biblioteca Civica di Thiene (VI) avrò il piacere di tenere il mio nuovo monologo “Il Genio, l’Idiota e poi Noi”, tratto dal mio ultimo libro “Elogio dell’idiozia“. Si tratta di una serata a partecipazione gratuita tra filosofia, letteratura e risate. Non mancate! 😉
Durante la serata sarà possibile acquistare una copia del libro.
QUI l’evento Facebook. 

E se l’idiozia fosse simile alla genialità? E se i geni della storia che tanto ammiriamo non fossero altro che idioti all’ennesima potenza? E la nostra idiozia, al cospetto di tutto ciò, che cosa diventa? “Il genio, l’idiota e poi noi” è un monologo filosofico e letterario che scandaglia l’animo dell’essere umano, in cerca della chiave che ci permette di essere quello che siamo. 

L’idiota è sempre un altro. Aborriamo l’idea di essere noi stessi gli idioti, nonostante le evidenze siano molto spesso contro questa tendenza universale. Eppure, l’idiozia non è una forza distruttiva: non solo essa soggiace come leitmotiv ad ogni nostro comportamento, poiché ognuno di noi è sempre l’idiota di qualcun altro, ma la genialità stessa che ha permesso le grandi conquiste dell’umanità, tanto in campo letterario quanto in quello scientifico, tanto nella filosofia quanto nell’arte, non avrebbe mai potuto toccare le vette raggiunte senza la parte inalienabile di idiozia presente in ogni uomo. 
L’idiozia è in fin dei conti ciò che ci ha permesso di pensare, di creare, di comprendere e di sopravvivere in un mondo difficile, e attraverso di essa possiamo essere capiti più a fondo, al fine di non perderci in questo cosmo, solitari e abbandonati alla nostra supposta mancanza di idiozia.

genio

Elogio dell’idiozia a Bologna (10.07)

Martedì 10 luglio alle ore 18 l’Elogio dell’idiozia arriva a Bologna, presso la libreria Ubik di via Irnerio, 27! Ad aiutarmi nella presentazione ci sarà Riccardo di WesaChannel, e per un’oretta cercheremo di raccontarvi l’idiozia, di sviscerarla e di convincervi del fatto che IL MIO LIBRO VA LETTO, OCCHEI?

Ci vediamo martedì a Bologna! 😉
QUI l’evento Facebook!

FLYERbologna

Martedì Sberle: Assomigliare a me stesso

La peggior sberla filosofica che io abbia mai ricevuto mi è arrivata con un secolo di rincorsa, direttamente da Nietzsche: “Diventa ciò che sei! Diventa te stesso!”
Ma come, fu la mia risposta d’acchito, con la guancia ancora violacea, io sono me stesso, maledizione! Guardami, mi vedi? Eccomi qua, in tutto questo identitario splendore! Osservami, io sono come mi vedi.
E invece no.
C’è una certa fatica della vita umana, una fatica che con ogni probabilità altri esseri animati non percepiscono poiché sprovvisti di un forte senso di autocoscienza, ed è la fatica del somigliare a se stessi. È una frase che può far sorridere i più sprovveduti ma che porta con sé un carico di angoscioso abisso per chi sappia scrutarne le profondità: devo assomigliare a me stesso. Ciò implica che il lavoro del pensiero è quello di far aderire ad un qualcosa intangibile, inarrivabile, irraggiungibile, ovvero a “me stesso”, quella cosa che spesso usiamo per gioco, inconsapevolmente e spesso con troppa leggerezza, ovvero… “me stesso”.
C’è una scissione faticosa e incolmabile tra quello che sono e quello che dovrei essere, tra il mio stato attuale e la mia potenza, avrebbero detto Spinoza e Bergson. C’è un divario incolmabile tra la mia attualità e la mia inattualità, tanto per dirla con Nietzsche (e sono così in imbarazzo a parlare di questo argomento che devo per forza prendere a prestito le parole d’altri). C’è un salto insostenibile tra ciò che vedo ora allo specchio e la natura di ciò che io sono. E il mio lavoro non è affatto quello di riconoscermi, guardarmi, osservarmi, ma è quello di divenire, di ascoltare una trasformazione, di assecondare un mutamento. Il mio lavoro è pensare in un modo che assomiglia a ciò che sto diventando, comportarmi in un modo che aderisca alla tensione che incarno, parlare in una maniera che rappresenti non quello che sono, ma quello in cui mi trasformo di continuo.
Molto spesso oggigiorno si sente ripetere che la libertà sta nell’accettarsi. Ma si tratta di un pensiero incompleto, poiché se accettassi quello che sono ora, nella mia attuale forma mentale e corporea, probabilmente dovrei tramutarmi in pietra, come i troll sorpresi dall’alba repentina. Non ci si accetta per ciò che si è, ma si accetta la trasformazione che continuamente ci pervade, il divenire che incarniamo, la mutazione in cui siamo coinvolti. Accettiamo la scissione tra ciò che vediamo di noi stessi e quello che diventeremo poi, troppo piccoli per decidere quando fermarci, troppo impotenti per determinare il momento in cui basta. Possiamo convincerci in ogni momento di aver trovato l’Eldorado o la Terra Promessa, ovvero il luogo e il tempo in cui quello che sono e quello che dovrei essere corrispondono perfettamente: è quello il Paradiso, il posto nel quale la trasformazione, la tensione faticosa della vita trova finalmente riposo. Ma quella convinzione sarà di nuovo fatta a pezzi da qualcosa di potente, di incontenibile, di inestinguibile.
Questo accade perché siamo totalmente ciechi tanto a quello che siamo (poiché il presente ci sfugge, l’attualità è già scomparsa nel momento in cui tento di osservarla) quanto a quello che dovremmo essere (dal momento che non abbiamo alcuna via d’accesso al luogo da cui proveniamo, non sappiamo com’è fatto il nostro animo, non abbiamo alcuna idea della natura che ci compone). Quella cecità, quell’oscurità che viene prima (“The darkness that comes before”, per prendere a prestito le parole di Scott Bakker) siamo esattamente noi, siamo la tensione tra il prima e il dopo, siamo lo scollamento tra l’attuale e l’inattuale, siamo il movimento di trasformazione. La sberla più grande è quella che riceviamo quando, convinti di aver trovato il nostro luogo di pace, ci accorgiamo di essere di nuovo in viaggio, controvoglia e controvento, presi in quel turbine di ceffoni che è la vita. E abbandoniamo la pesantezza dell’essere per gettarci nella corsa del diventare, di nuovo, qualcosa d’altro, qualcosa che assomigli ancora di più alla mia vita.
***
elogioIl 6 giugno è uscito “Elogio dell’idiozia”, il mio nuovo libro per edizioni Tlon. Lo puoi trovare su Amazon (QUI in formato ebook) o IBS! La prossima presentazione si terrà martedì 10 luglio presso la libreria Ubik di Bologna! QUI tutti gli eventi futuri!