L’intellettuale leccaculo del XXI secolo

In Italia non abbiamo avuto molti intellettuali veri, abbiamo però avuto moltissimi intellettuali “di corte”, ovvero gente che usava la cultura (spesso scarsissima) solo per produrre discorsi che solleticassero l’ego del potente di turno, del governante o del sovrano.
Questi intellettuali, nel corso dell’ultimo mezzo secolo, si sono infilati dappertutto: università, scuole, televisione, accademie, salotti, poiché la politica (i datori di lavoro insomma) permetteva loro di costruirsi una credibilità non sulle capacità, sulle idee o sul valore di quanto pensavano e dicevano, ma sulle amicizie, sui contatti e sulle compagnie che frequentavano.
Questo è il motivo per cui molti intellettuali si sono sempre affiancati a politicanti, potenti, burocrati et similia: non avendo alcun valore le loro idee, i loro “libri” e i loro pensieri, non potevano far altro che appiccicarsi a qualcuno che avesse il potere di dare loro un po’ di visibilità.
Per chi pensa che la nuova generazione possa sottrarsi a questo giogo, ho purtroppo brutte notizie: il mondo intellettuale imberbe pullula di personaggetti privi di scopo, talento e originalità che però hanno già capito l’antifona e si nascondono sotto l’ala di quel parlamentare o di quel funzionarietto da strapazzo, leccando culi a forma di scranno nella speranza che un giorno qualcuno elargirà loro l’obolo tanto agognato. Questi personaggetti si fanno largo in politica mascherandosi da intellettuali, ma nella realtà dei fatti sono solo individui senza idee che vorrebbero ritagliarsi un posto nel mondo dei potenti a discapito di chi dovrebbe esserci per meriti e capacità.
Questi personaggetti si vantano di tenere lezioni in università, ma non dicono che quel posticino lì gliel’ha tenuto in caldo il parlamentare, il deputato, il funzionario che, impietosito, ha deciso di concedere quel piccolo vezzo al loro ego sgonfiato. Dicono di avere schiere di seguaci, ma non si rendono conto di venir seguiti da altrettanti personaggetti bisognosi di sapere che alla mediocrità c’è un rimedio, e quel rimedio si chiama “leccaculismo”.
E non lasciatevi persuadere quando questi personaggetti diranno che sono mossi da ideali, motivazioni alte, beni superiori: non è vero. Sono mossi da maldicenza, da incapacità e arroganza.
“La loro funzione più importante è giustificare l’esistenza dei loro datori di lavoro” scriveva Raskin a riguardo degli intellettuali di corte, e non ce ne libereremo facilmente perché la mediocrità che la politica produce è molto più forte, molto più consolatoria e molto più massiccia di qualsiasi idea dotata di buone ragioni.
***
elogioIl 6 giugno è uscito “Elogio dell’idiozia”, il mio nuovo libro per edizioni Tlon. Lo puoi trovare su Amazon (QUI in formato ebook) o IBS!
Sabato 30 giugno e domenica 1 luglio sarò a Torino per due eventi correlati al libro! Non mancate!

Annunci