La Mente, tra filosofia e psicologia: DE-PROG (28-29-30 settembre)

Il problema della mente è il problema del nostro tempo.
Come scrive David Chalmers: “Dobbiamo temere di non poter comprendere del tutto la mente umana poiché in quel caso non avremmo compreso davvero nulla del mondo.” Infatti, la nostra conoscenza e comprensione del mondo passa inevitabilmente per la mente, attraverso la coscienza, giù fino a questo luogo non-luogo in cui io sento di essere io, nel quale io penso e percepisco la mia esistenza. Eppure, è così difficile descrivere che cosa sia questa sensazione di essere un io, al punto che molti filosofi e scienziati hanno gettato la spugna, descrivendo questo fenomeno come una semplice illusione.
Ma anche quando mi convinco che tutto sia illusione sto pensando, sto usando la mente, sto producendo conseguenze tutt’altro che illusorie.

Così, le domande che affastellano la questione sono di primaria importanza per la nostra vita: che relazione esiste tra mente e cervello? Esiste una continuità reale nella mia identità, oppure quella continuità è un artificio evolutivo? Qual è il rapporto tra uno stato fisico e uno stato mentale? Esiste la possibilità di considerare libero il pensiero, oppure esso è determinato in modo meccanico dalle dinamiche corporee? Quale ruolo gioca la memoria nella costruzione del mio pensiero e della mia identità? E altre mille domande la cui risposta sfugge di continuo, lasciandoci spesso a bocca asciutta.

La complessità di questo tema non ci permette di adottare perciò un solo paradigma: le scienze cognitive non bastano a risolvere il problema della mente, né la neurobiologia sola. Allo stesso modo, filosofia e psicologia non possono permettersi di non dialogare, di andare ognuna per la sua strada, nel tentativo di comprendere la coscienza. E con questo spirito di mutua condivisione nasce “DE-PROG“, il mio nuovo seminario tra filosofia e psicologia intorno al problema della mente, con la partecipazione straordinaria di Gennaro Romagnoli, autore del progetto PSINEL.

Il seminario si terrà nel weekend del 28-29-30 settembre 2018, dal venerdì sera alla domenica pomeriggio, presso l’ex Monastero e ostello di San Salvaro, vicino a Padova e Bologna. 48 ore immersi in un contesto bellissimo, tra lezioni e conferenze, workshop e laboratori, ma soprattutto in un clima di amicizia e divertimento che renderà indimenticabile questo evento.
Per partecipare non è necessario essere esperti di alcunché, basta essere armati di tanta voglia di mettersi in discussione. Al resto ci penseremo io e Gennaro! 😉

Il costo del seminario è di 185€, quota nella quale è incluso quanto segue:
– pernottamento di venerdì 28 e sabato 29 settembre; 
– colazioni, pranzi e cene dal venerdì sera alla domenica pomeriggio; 
– partecipazione integrale al programma del seminario. 
Ci sono 18 posti a disposizione, ma la metà è già stata prenotata da partecipanti ai seminari precedenti, perciò se l’evento ti interessa scrivi una mail: accademiaorwell@gmail.com, riceverai il prontuario completo di programma con tutte le informazioni su come iscriverti!

flyer_DeProg

Annunci

MARTEDÌ SBERLE: Vivere è Scommettere

Mercoledì 6 giugno è uscito in tutte le librerie il mio nuovo libro “Elogio dell’idiozia”. QUI puoi acquistare la tua copia (QUI la versione ebook). A QUESTO link trovi tutti gli eventi di presentazione delle prossime settimane (SCHIO, TORINO, BOLOGNA e altre tappe).
***
La strada verso la felicità è lastricata di incertezze.
Le incertezze sono quelle che pesano sul tuo bilancio esistenziale quando ti trovi a dover fare qualche progetto: “Andrà bene il colloquio? Sarò all’altezza delle aspettative? Le mie capacità saranno sufficienti? E io? Io sarò pronto per quello che mi aspetta?”
Sei alla costante ricerca di una polizza assicurativa contro il fallimento, come se qualcuno potesse darti la certezza che se inizierai a fare qualche cosa, se darai vita a quel progetto che stai ideando da anni, il successo arriverà. Sei sempre in cerca di un indizio che ti permetta di dare inizio al tuo progetto senza il rischio di vederlo crollare inesorabilmente sotto il peso dell’insuccesso. Non importa di che cosa si stia parlando: può essere il tentativo di conquistare il desiderato partner, oppure la speranza che l’attività in procinto di avviarsi trovi terreno fertile; si può parlare di economia o sentimento, di cultura o hobby, in qualunque caso cercherai un antidoto all’incertezza, un qualche cosa che ti permetta di dire: “So già che le cose funzioneranno“.
E invece questa è la vera fantasia. 
“L’uomo è la creatura che progetta” scrisse Sartre. Ma se il progetto porta con sé tantissime cose positive, come l’inventiva e la creatività, il talento e la speranza, ciò che non ci dà di certo è la sicurezza. Il progetto, ovvero la dimensione più propriamente umana dell’agire, è aperto all’impensato, all’imprevisto, all’incertezza e all’insuccesso. Sarebbe così bello poter essere creature progettuali senza doversi accollare rischi enormi, vero? Sarebbe bello progettare di costruire una relazione con quella ragazza e avere già in tasca la certezza che tutto andrà bene. Avviare un’associazione culturale, una piccola azienda, un progetto di divulgazione, il tutto già reso solido dalla certezza della riuscita. Ma niente nella vita è così poiché il progetto non tiene in sé anche il risultato di ciò che verrà.
È per questo che la progettualità umana è uno slancio, una scommessa, un salto senza rete. La progettualità pretende di mettere a rischio un certo quantitativo di energie, tempo, amor proprio, talento, idee, denaro, salute, senza avere alcuna certezza che quella spesa verrà controbilanciata da un guadagno. La progettualità è bellissima perché ci fa respirare la libertà di pensare e creare, ma è crudele poiché non ci permette mai davvero di prevedere quello che avverrà. Quando progettiamo siamo proiettati verso l’inatteso.
La felicità si raggiunge solo ed esclusivamente attraverso quella scommessa, di qualunque tipo essa sia, poiché il progetto è sempre volto a ritagliarmi una maggior felicità, di qualunque natura essa sia. Senza rischio, senza slancio, senza salto senza corda non c’è felicità. E senza tutto ciò non c’è progetto, perciò non c’è umanità.
La prossima volta in cui ti senti infelice, insoddisfatto, senza energie, prova a chiederti quale sia stato l’ultimo momento in cui ti sei preso quel rischio, quand’è stata l’ultima volta in cui hai scommesso sull’unico capitale che davvero puoi mettere sul piatto, ovvero te stesso: ti accorgerai che forse è da molto tempo che non lo fai, che forse ti sei illuso di averlo fatto ma ti sei tirato indietro perché volevi avere maggiori sicurezze, volevi stipulare una polizza contro il fallimento, non sopportavi l’incertezza che il progetto porta strutturalmente con sé. In quel momento devi iniziare a scommettere, non puoi più mentire a te stesso: inizia a scrivere senza avere la certezza di essere pubblicato, registra video senza la sicurezza di venir guardato, proponiti senza la certezza di essere accettato, slanciati senza la sicurezza di cadere sul morbido. Altrimenti tu non vuoi davvero essere felice, vuoi solo nutrire un’infelicità a misura della tua paura.
E questo, amico mio, è il peggiore dei peccati.

MARTEDÌ SBERLE: Consolazioni (con)Temporanee

Mercoledì 6 giugno esce in tutte le librerie il mio nuovo libro “Elogio dell’idiozia”. QUI puoi acquistare la tua copia. A QUESTO link trovi tutti gli eventi di presentazione delle prossime settimane (MILANO, SCHIO, TORINO e altre tappe).
***

Ti piacerebbe poter dire che ogni tua decisione, ogni scelta, ogni aspetto della tua vita è in realtà determinato da qualche cosa su cui non avevi potere, vero? Soprattutto le cose brutte della vita: le colpe, le decisioni sbagliate, le stronzate commesse, le idee malsane e nutrite per lungo tempo. Quello non ero io, quello era un altro, le circostanze mi ci hanno costretto, ora sono diverso, adesso e non prima sono padrone della mia vita. E poi, quando commetti l’ennesima cazzata il gioco ricomincia.
“L’idiota è sempre un altro” vale soprattutto per sé: quando commetto una cosa imbecille e ripenso a quello che ho fatto il mio sistema di autodifesa tratta colui che ha compiuto quell’atto come se fosse altro da me. Ora sono diverso significa: in quel momento ero posseduto, non ero in me, le condizioni che mi muovevano mi rendevano schiavo di potenze aliene. Ora mi sono liberato, ora che non sono più idiota posso guardarmi indietro e dire che adesso sono davvero io.
Ma le cose non sono così semplici ed è facile aggrapparsi al determinismo quando fa comodo, ovvero a concepire se stessi come “mossi” da forze a noi esterne solo quando questo ci consola, mentre ci consideriamo liberi soltanto quando facciamo qualcosa di buono. È facile considerarsi vittime delle proprie azioni più nefaste e autori di quelle più nobili e positive. Ma questa è solo una consolazione (con)temporanea, un momento storico nel quale il determinismo viene usato a piacimento per giustificare il fatto che portiamo sempre con noi tanto i nostri vizi quanto i nostri pregi.
Il determinismo non si può adottare a piacimento. Se ci consideriamo vittime di quello che di orribile commettiamo, pensiamo, desideriamo, allo stesso modo siamo vittime di quello che di buono facciamo. Se non abbiamo liberamente scelto di imboccare quella strada maledetta allora non abbiamo liberamente scelto di intraprendere la strada che così tante soddisfazioni ci ha portato. Se siamo stati posseduti da quelle idee stupide e pericolose, se non abbiamo davvero scelto di pensare quelle cose ma siamo stati in qualche modo manipolati nel pensarle, allora siamo stati posseduti anche dalle idee di cui andiamo orgogliosi (e che diventeranno oggetto di rifiuto quando poi le cambieremo, come i vestiti dopo una corsa). Se siamo marionette di chissà quale funesto demiurgo, lo siamo sempre e non solo quando ci piace esserlo.
La volontarietà non si può adottare a piacimento. Se vogliamo mostrare a tutti che siamo liberi di compiere gli atti per i quali andiamo orgogliosi dobbiamo considerarci liberi anche quando compiamo scelte stupide e imbecilli. Se vogliamo essere considerati responsabili degli atti edificanti di cui ci sentiamo autori allora dobbiamo essere considerati responsabili anche dei delitti di cui ci macchiamo. Se esprimiamo la nostra volontà attraverso le idee che ci rendono migliori dobbiamo ammettere che la nostra stessa volontà di esprime quando siamo convinti di idee malsane e pericolose. Se vogliamo che la nostra personalità si realizzi in quel particolare pensiero che sentiamo di aver liberamente intessuto, non possiamo nasconderci di fronte al fatto secondo cui anche quel pensiero che in passato abbiamo nutrito e che oggi ci fa ribrezzo era manifestazione della nostra personalità e libertà. Se siamo f-autori di quello che facciamo, lo siamo sempre e non solo quando ci piace esserlo.
Tra determinismo e libertà non c’è salvezza né soluzione di comodo. Non c’è consolazione poiché l’esistenza non è consolatoria. C’è soltanto l’evidenza secondo cui i nostri pensieri, le nostre azioni, i nostri comportamenti nascono da un abisso che ci è invisibile e che non possiamo scrutare se non perdendoci. E che forse, quelli che chiamiamo determinismo e volontà sono due facce della stessa medaglia. Ma essendo ciechi al loro vero volto ci risultano così alieni da renderne impossibile la piena comprensione.
Non so se di questa idea vado orgoglioso o se me ne vergogno.
Di certo sono io che voglio esprimerla anche se forse non ho mai avuto altra scelta.

FiloSoFarSoGood 1/2

Clicca qui per scaricare gratuitamente il secondo numero di FiloSoFarSoGood!

copertina

“Qual è il crimine giusto per non passare da criminali?”
De Andrè dà il titolo a questo secondo numero della rivista FiloSoFarSoGood in cui scandagliamo filosoficamente il concetto di Crimine. Un numero denso, pieno di contributi interessantissimi e caratterizzato da una nuova veste grafica di cui sinceramente vado molto fiero (grazie allo splendido lavoro di Lilia Mauroner!)

Questo numero è possibile grazie al contributo della redazione, composta da
Ivan Corrado 
Emanuele Ambrosio 
Andrea Natan Feltrin 
Arianna De Rizzo
Mattia De Franceschi 
Davide Raguso 
Lilia Mauroner 
e grazie al contributo extra-redazionale di
Nicola Zengiaro 
Walter Luigi Martorano 
Debora Cassata 
Francesco Erfini 
Giovanni Citrigno 
Andrea Vaccaro 
Oreste Joshua Niccoli
Matteo Recrosio 
Emanuele Scalise 
Federico Zambrotta 
Michael Morelli 
Michelle Cecilia Ferru 
Angelo Andriano 
Luca Prospero 
Con la straordinaria partecipazione artistica di
Babù su Youtube!

Filosofarsogood è anche un podcast
su Spreaker
su iTunes

MARTEDÌ SBERLE: la Libertà senza Lavoro

Le parole “lavoro” e “produttività” sono spesso associate, ma non viene quasi mai esplicitato che cosa il lavoro produca effettivamente. Perché se è vero che da un lato il lavoro produce merce, servizi e possibilità, dall’altro questo non risolve la questione di che cosa sia effettivamente il lavoro. Anche la mafia produce: disperazione, dipendenze, cadaveri; anche la politica produce: privilegi, sotterfugi, idiozia. Ma mafia e politica non sono “lavoro” nel senso stretto del termine.
Infatti, ciò che il lavoro produce effettivamente è libertà.
Questo potrà suonare alieno alle orecchie di coloro che sono stati convinti di come il progresso umano debba corrispondere all’emancipazione dal lavoro, di come quest’ultimo sia prima di tutto schiavitù, anche quando viviamo nella zona ricca e fortunata del mondo. Ma il lavoro è strettamente (e filosoficamente) produzione di libertà, in un senso molto preciso. Per comprenderlo dobbiamo tornare indietro di molti millenni e osservare la formazione delle prime comunità umane basate sulla divisione dei compiti e sulla specializzazione del lavoro. Questi primi uomini, molto più intelligenti della maggior parte dei miei contemporanei, avevano compreso una cosa importante. Se io miro all’autosufficienza sono un uomo morto. Se in una stessa giornata, contando sulle mie sole forze, dovessi procacciarmi il cibo, costruirmi gli strumenti per farlo, abbeverarmi senza finire avvelenato, difendermi da freddo o caldo, bestie o sfortuna, intemperie o malattia, cercare o costruire un riparo che mi permetta di sopravvivere durante la notte, non durerei poi molto su questo pianeta. Ma soprattutto, la mia sarebbe una vita ben miserabile poiché non avrei mai la possibilità di stendermi su un prato a osservare le stelle o a comporre una musica. Se invece metto da parte l’autosufficienza e decido di specializzarmi nella caccia e pesca, e parte del mio tempo libero lo dedico a relazionarmi con coloro che possono fornirmi gli altri strumenti, capacità, tempo e conoscenze che soddisfano tutti i miei bisogni, allora forse posso farcela. Ci sarà qualcuno specializzato in erbe medicinali che in cambio del mio pesce (ne avrò pescato in gran quantità, ben al di sopra del mio fabbisogno personale) curerà la mia ferita; ci sarà qualcuno che si occuperà di addestrare altre persone adibite alla difesa del territorio e lo farà in cambio del cibo che io procaccerò insieme ai miei soci; ci sarà qualcuno che provvede alle vesti, alla raccolta, all’acqua, e così via. Il mio lavoro insomma mi permetterà di acquisire la libertà di non fare tutte quelle cose, potendo contare sull’altrui abilità.
Allo stesso modo io posso coltivare le mie passioni perché il tempo non dedicato al mio lavoro, ovvero la filosofia, non è vampirizzato dalla necessità di procacciarmi il cibo, trovare l’acqua per bere e lavarmi, costruire un tavolo su cui annotare le cose da fare domani, cucirmi delle calze per non ferirmi i piedi. E questo lo posso fare perché delle persone hanno riconosciuto nella mia specializzazione, ovvero la filosofia, un valore che possono scambiare con qualcosa che è prodotto dal loro lavoro, ovvero il denaro. Senza questo reciproco riconoscimento, senza questo interscambio che si basa sulla specializzazione, non ci sarebbe l’umanità.
Perciò, nella giornata dei lavoratori io festeggio la libertà. E penso a tutte quelle persone che oggi, per eventi sfortunati o mancate occasioni, non hanno un lavoro. Spero che tutti voi, contando sulle vostre capacità, possiate trovare o costruire un lavoro che metta al servizio di tutti i talenti, le attitudini e i valori che portate con voi stessi. E penso a tutte quelle persone che disprezzano il lavoro che fanno, perché non rappresenta le loro capacità, le loro attitudini e il loro valore, e spero che abbiano la forza di cambiare in fretta la loro condizione. A tutti voi l’augurio di trovare il modo di lavorare mettendo a frutto ciò che siete, ritagliandovi (“comprandovi“) quel fazzoletto di libertà che ogni essere umano può fare proprio. E penso a tutti quei rincoglioniti che considerano il lavoro come una schifezza, una schiavitù, un’aberrazione, solo perché forse non hanno la voglia di mettere a disposizione se stessi, o perché non hanno alcun valore da scambiare con gli altri, e mi vien da ridere a pensare che si indigneranno sotto a questo articolo commentando con la tastiera di un computer o uno smartphone, che sono il frutto della specializzazione di migliaia di uomini che lavorano al fine di concedere loro la libertà di dire le stronzate che pensano.
Una carezza a voi, io torno a lavorare.