La Debolezza all’assalto del Congresso USA

Da non perdere, Filosofia, Riflessioni Politiche

Nella società della debolezza, l’uomo cretino è l’unico rappresentante dell’uomo forte. E ciò che è accaduto al Congresso ieri ne è la perfetta rappresentazione.
Sarà che in questi giorni sto rileggendo Jung, Nietzsche e Freud, ma mi balza all’occhio in modo chiarissimo il nesso tra gli eventi dei nostri giorni e le nevrosi che questi tre giganti hanno analizzato all’inizio dello scorso secolo. E mi fa un po’ ridere quando leggo chi è convinto che le radici di questi avvenimenti siano da ricercarsi nei social-network, nel trumpismo o nella “società dello spettacolo”: tutti questi sono effetti, non cause, e confondere le cause con gli effetti ci porta poco lontano nella comprensione di quel che avviene.

Jung, seguendo le orme di Nietzsche e andando contro Freud, diceva che la morte di Dio non poteva che trovare risposta in una rinascita di Dio nell’animo degli uomini, degli individui: un Dio che non sia più lassù, distante e traducibile dai preti, ma un Dio che sia qui, dentro di me, e che dia dignità alla mia vita senza ricercarla fuori da essa. Senza questo necessario passaggio avremmo vissuto decenni di debolezza, mancanza di senso, perdita di riferimenti, e avremmo vissuto una catastrofe. La catastrofe ci fu, e si incarnò nelle due guerre mondiali, nei totalitarismi del nazi-fascismo e del comunismo, ma non si limitò a risolversi lì, semplicemente perché la fine della guerra portò ad un nuovo equilibrio basato sulla cooperazione internazionale e sulla crescita economica. E in quell’equilibrio, i problemi analizzati da Jung, Nietzsche e Freud poterono permanere, silenziosi.

Nel frattempo, un mondo in cui Dio era morto si trasformò nella più grande paura di Nietzsche: un mondo in cui l’essere umano, convinto della propria debolezza, è più facilmente manipolabile poiché meno propenso a “dare” un senso alla propria esistenza (in questo, i libri di Viktor Frankl fanno scuola). Ecco dove la visione di Freud ha avuto il suo maggior trionfo, una visione meccanicista dell’uomo, una narrazione che racconta l’individuo come mero “effetto” di concause ritrovabili nel suo passato più prossimo e quindi leggibile, comprensibile e manipolabile in quanto creatura “semplice”, un uomo privo di “scopo” poiché quest’ultimo è sempre il risultato di forze che valicano la sua capacità di disegnare la propria esistenza. Il razionalismo freudiano ci ha convinti che l’uomo sia un piccolo fascio di fibre rispondenti a stimoli di corto raggio, e di conseguenza trattabile e studiabile come il più semplice dei transistor: “Sì/No, Zero/Uno”. E chi ha letto lo Zarathustra sa bene come questo tipo di uomo, “l’ultimo uomo” che si ammanta di razionalità quando invece è pervaso dal timore di Sé, è destinato a finire. Spoiler: MALE.

Ciò che abbiamo visto ieri al Congresso non è diverso da quel che è accaduto nelle piazze con gli assembramenti anti-Covid e il generale Pappalardo, non è dissimile dai movimenti che contro ogni possibile logica rifiutano il discorso scientifico tacciandolo di complotto mondiale, non è dissimile dalle follie dell’irrazionale che sempre più di sovente emergono davanti ai nostri occhi e che abbiamo dimenticato albergare nel cuore di ognuno di noi. E la miglior risposta che abbiamo saputo dare a fenomeni tipo QAnon et similia è una risata sarcastica accompagnata da un meme, marchio di fabbrica dell’uomo debole e privo di senso.
A far erompere in modo così eclatante tutto ciò non è stata la pandemia, né la crisi economica: anch’essi sono effetti o mere concause. La vera radice sta nella cultura della debolezza, dell’uomo pacificato, di quel razionalismo stantio che ha voluto a tutti i costi tradurre l’uomo in pezzo di un puzzle di cui nessuno (tantomeno i razionalisti) vedono i confini. La vera causa sta nella cultura meccanicista che vuole l’uomo come semplice conseguenza di cose a noi oscure, piccolo ingranaggio smussato di piani universali che stanno al di fuori del nostro animo. Gli uomini e le donne al Congresso, ieri, testimoniano la fallacia dell’uomo debole e pacificato, l’individuo asservito al gruppo, alla collettività, alla ragione, l’uomo politicamente corretto che non offende, non rompe le scatole, l’uomo da lockdown che si chiude in casa tranquillo come una vacca indù e non contraddice le scelte che altri fanno sulla sua pelle, l’uomo che non ridicolizza l’idea di “anima bella” che abbiamo di noi stessi. E quegli individui al Congresso fanno cose idiote, dicono cose idiote, sono cretini, eppure sono gli ultimi a rigurgitare la nevrosi di cui a inizio secolo Jung, Nietzsche e Freud hanno parlato in modi diversi. Sono gli ultimi tristi testimoni di uomo forte, eroico, che confondono la forza con la demenza precoce, come i migliori protagonisti di Dostoevskij.

La crisi è spirituale, signore e signori, è la crisi di chi non sa più dare un senso alla propria esistenza poiché, convinto della propria debolezza e impotenza da una cultura castrante, cerca qualcuno che ci salvi. E la cultura della debolezza è quella che vuole l’uomo pacificato e privo di fastidi, l’uomo ridotto a centrotavola di buone maniere, suppellettile dell’esistenza che non disturbi troppo quando lo si redarguisce. L’uomo è privo di Dio e questo lo rende più esposto a chi vuole giocarsi bene la carta del piccolo potere che si è concesso in assenza degli Dei. E quando Dio è morto, cercarne un altro al di fuori di noi significa mettersi nelle mani del caos: il Duce, il Führer, il Grande Timoniere, Trump o chi altri, tutto questo è parte del caos.
L’uomo infine sfugge alla gabbia della razionalità imposta con la politica e sparge molte fiamme intorno a Sé.

“Vi ripeto per la centesima volta che c’è soltanto un caso, uno solo, in cui l’uomo può augurarsi apposta, coscientemente, perfino ciò che è dannoso, ciò che è sciocco, perfino ciò che è sciocchissimo, e precisamente per avere il diritto di augurarsi perfino ciò che è sciocchissimo e non essere legato dall’obbligo di augurarsi soltanto ciò che è intelligente. Infatti questo fatto sciocchissimo, questo nostro capriccio, signori, può davvero essere più vantaggioso per noi di tutto quel che c’è sulla terra, specialmente in certi casi. E in particolare può essere più vantaggioso di tutti i vantaggi, perfino nel caso in cui ci rechi un danno manifesto e contraddica alle più sane conclusioni della nostra ragione intorno ai vantaggi, perché in ogni caso ci conserva la cosa più importante e più cara, cioè la nostra personalità e la nostra individualità.”
Dostoevskij, Memorie dal sottosuolo

BUFALE BEYOND: oltre il concetto di Fake News

Filosofia

La diffusione di falsità è senza ombra di dubbio il vero problema del nostro secolo.

Ben più grave di altri fenomeni come il cyber-terrorismo o il digital divide, la diffusione forsennata e apparentemente incontrollabile della menzogna rappresenta la minaccia reale alla nostra democrazia.

Si va da fenomeni apparentemente ridicoli come la convinzione che la Terra sia piatta e sovrastata da una cupola di vetro chiamata “cielo”, a più che preoccupanti manifestazioni come ad esempio la colossale balla secondo cui il retrovirus HIV non sia la causa della sindrome da immunodeficienza conosciuta come AIDS. Si va dall’ironizzare sulle scie chimiche allo spaventarsi per il calo nelle vaccinazioni (scese di 3 punti percentuali sulla popolazione d’Europa dal 2012, dato mai riscontrato prima).

La soluzione finora adottata è duplice: il debunking da una parte, ovvero il necessario lavoro giornalistico e non di pubblicare rettifiche, smentite e fonti per “smontare” sistematicamente le bufale diffuse in rete; l’intervento sulla monetizzazione dall’altra parte, che impedisce ai siti produttori di bufale sistematiche di guadagnare denaro dal proprio oscuro mestiere (se di mestiere si può parlare).

Ma il problema, ben lungi dall’essere arginato, sta in realtà esplodendo sempre di più, fino ad arrivare all’elezione di un presidente degli Stati Uniti d’America che ha basato parte della propria campagna elettorale sulla produzione attiva di false notizie e bufale.
Credo che, arrivati a questo punto, sia chiaro che le soluzioni fino a questo momento adottate non sono solo insufficienti, ma possano essere considerate addirittura contrarie rispetto alla vera soluzione del problema.

Analizzando un po’ più a fondo la forma mentis che permette a certe notizie di diffondersi a gran velocità, ci accorgiamo che la tendenza seguita è quella di informarsi per confermare la propria visione del mondo. Tutti noi siamo caduti in questa rete: cercare non informazioni che contraddicano o mettano in discussione le mie convinzioni, ma circondarmi di cose, prodotti e persone che confermino il fatto che ho ragione. Chi di noi non ha manipolato la realtà almeno una volta per sentirsi più a posto con le proprie idee? Questa è una tendenza estremamente presente in tutti noi, come se la realtà fosse lì solo per darci ragione, come se il mondo non sapesse più “resistere” alla nostra opinione.

Cosa è accaduto però con il web?
Facile: gli algoritmi di Facebook e Amazon, di Google e Youtube, sono costruiti per assecondare e ampliare a dismisura questa tendenza che definirei senza vergogna malata. Prendiamo il caso di Amazon. Un tempo, entrare in libreria significava scontrarsi con una montagna di libri diversi da ciò che fino ad allora avevo letto, e se volevo davvero trovare qualcosa che fosse affine ai miei gusti dovevo spesso rivolgermi al libraio (il quale, molto sapientemente, mi avrebbe indirizzato verso qualcosa di simile ma differente da ciò che avevo in mente). Insomma, la libreria era uno scontro con la diversità.
Oggigiorno, quando acquisto un testo su Amazon, ecco che il suo algoritmo mi mette di fronte a ogni cosa affine (se non identica) a ciò che ho letto in precedenza. Entrare nella libreria di Amazon significa perciò neutralizzare la diversità, e se qualcuno non è abbastanza attento a questo meccanismo, finirà per impoverire enormemente il proprio bagaglio culturale.
Questo avviene tanto per i “terrapiattisti” quanto per uno studente di biologia: il web ha permesso di costruire quelle che vengono chiamate “Echo Chamber”, ovvero stanze protette a immagine e somiglianza della nostra opinione sul mondo. Se sono un appassionato di Christopher Nolan e desidero veder confermata la mia opinione secondo cui Nolan è il miglior regista della storia, mi basteranno tre click per circondarmi di cose, persone, opinioni e idee completamente in linea con la mia visione. Entrerò in un gruppo Facebook che mi farà sentire “dalla parte giusta della storia” e mi sarà difficilissimo, anche se lo volessi, entrare in contatto con qualcuno che proponga una visione alternativa (rendendomi difficile scoprire per esempio nuovi registi che mi facciano cambiare opinione).

Peggio: se sono un appassionato di debunking, rischio di costruire la mia “Echo Chamber” personalizzata, in cui finirò per parlare e conversare esclusivamente con persone che già sono propense ad ascoltarmi e fornirmi informazioni a sostegno della mia visione, contraddicendo lo spirito stesso del debunking, che dovrebbe essere quello di scardinare il campanilismo e far cambiare opinione a chi crede nelle falsità! 

Allora, il problema va oltre la BUFALA e va affrontato filosoficamente e culturalmente. Non serve solo una riforma attiva degli algoritmi che ordinano il web (Google dovrebbe prendersi il rischio di mettere le persone ANCHE di fronte a opinioni e gusti diversi e non solo fornire ciò che già vogliono trovare), serve anche una riforma scolastica che abitui i ragazzi a non chiudersi nelle proprie casse di risonanza, permettendo loro di sviluppare la sana curiosità di confrontarsi con chi non la pensa allo stesso modo. Scardinare le “Echo Chamber” non passa (solo) per la smentita e il debunking, perché senza un movimento culturale alle spalle che ci permetta di rompere i confini immaginari della nostra personale prospettiva, il debunking fallirà miseramente nell’autoreferenzialità.

Chi volesse approfondire l’argomento, troverà la giusta occasione al mio nuovo seminario DE-POST: libertà di espressione e censura nell’epoca della Post-Verità, che si terrà vicino a Padova e Bologna nel weekend del 3-4-5 marzo. Un’occasione per comprendere meglio il problema e per acquisire nuovi strumenti utili per affrontarlo in modo consapevole.

La nostra democrazia si gioca sull’informazione e, come diceva De Tocqueville, “una democrazia sana poggia le proprie fondamenta su un’informazione libera e a disposizione di tutti”.
Ma che democrazia diventa, quando l’informazione libera e disponibile è falsa? 

La YouTube educativa su Repubblica!

YouTube

Molto di nuovo sul fronte occidentale!
Ieri, lunedì 25 gennaio, sul quotidiano nazionale “La Repubblica” è apparso un articolo a due pagine sul movimento educativo che sta invadendo YouTube. Sono felice di vedere che finalmente i mezzi di informazione “mainstream” si stanno accorgendo del fatto che YouTube non è solo gaming e prank, perché esiste un piccolo agguerrito gruppo di canali che non si arrende e continua a combattere per un web più consapevole, intelligente, utile.
Ecco l’articolo, quindi, lo trovate a pagina 22-23!

1

La disabitudine alla vita

Narrativa

Ciò che ci viene mostrato è esattamente ciò che guardiamo.
Guardiamo un corpo, un bambino, una spiaggia. Non vediamo la vita perché siamo disabituati a vederla. Ciò che non vediamo è ciò che non ci viene proposto con superficialità dai media. Noi guardiamo, ma non vediamo. Come quando rallentiamo in autostrada perché c’è un incidente e ciò che guardiamo, quando passiamo accanto al luogo dello schianto, è solo cadaveri, lamiere, carne. Non c’è altro perché, molto semplicemente, ci siamo disabituati a vedere. Ci scandalizziamo non per la morte o per la vita, ma perché quel cadavere, quel corpo, è così simile al nostro. Non è empatia, è immedesimazione.