Credere, obbedire, guarire (?)

Da non perdere, Filosofia, Riflessioni Politiche

Una prospettiva etica sull’autoritarismo ai tempi del Coronavirus
(pubblicato sul sito dell’Istituto Bruno Leoni)

Credere, obbedire e guarire.
Questo sembra il motto imperante in questi giorni nel nostro Paese. O si obbedisce ciecamente, oppure si è degli anarchici irresponsabili e privi di qualsiasi valore umano. O si mostra sui social la propria perfetta aderenza ad ogni dettame, ogni regola, ogni norma, anche la più inspiegabile, oppure si fa parte del non-popolo dei disobbedienti, degli incoscienti. Ma non c’è nulla di più incosciente, nel Paese del “fascismo eterno”, che obbedire ciecamente a quello che decide un burocrate. 

Attenzione: le righe che seguono non sono un invito alla disobbedienza ai tempi del Covid-19. Lungi da me scatenare questo tipo di animosità, anzi: io, da libertario impenitente, sono stato tra i primi ad invitare le persone ragionevoli a stare a casa, limitando le interazioni sociali e cercando di sottrarsi alla possibilità di diventare vettori di contagio. Io stesso sono chiuso in casa da ormai due settimane, uscendo soltanto per le necessità vere e cercando di prendermi cura di me stesso nel miglior modo possibile, riconoscendo il momento di emergenza che stiamo vivendo. E credo che la maggior parte delle persone (checché ne dicano i media, sempre pronti a dare voce alla minoranza rumorosa degli irragionevoli) stia facendo lo stesso. 

Ma questo non è affatto un atto di obbedienza o sottomissione, quanto piuttosto la valutazione di un vantaggio reciproco nel seguire alcune norme dettate dal buon senso: chiunque ascolti un medico, sappia informarsi su qualche giornale non votato alla carta straccia e coltivi un minimo di spirito critico e autonomia intellettuale saprà che il pericolo è reale e che si deve fare qualche rinuncia. Ma la cosa importante è che egli lo sa ben prima che arrivi la legge a imporglielo.
Non si “obbedisce” al buon senso, non più di quanto si obbedisca alla fame, alla sete o all’idea che uccidere una persona innocente è sbagliato: non serve una legge che mi dica di mangiare perché io so quando devo mangiare, e allo stesso modo evito di uccidere un altro non perché me lo impone la Costituzione ma perché sono consapevole che si tratterebbe di un’ingiustizia. Questo lo esprime persino Socrate quando afferma che un uomo diventa assassino in quanto desidera essere l’eccezione alla regola: nessun assassino vorrebbe vivere in un mondo fatto di assassini, nessuno uccide un altro individuo nella speranza che la sua stessa vita venga poi messa a repentaglio. Un omicida non vuole essere scoperto, punito, catturato, e questo perché l’atto che compie vuole essere unico, irripetibile, eccezionale. Egli sa che è sbagliato, anche se l’ha compiuto deliberatamente. Insomma, il suo buon senso gli suggerisce che quell’atto è stato un’ingiustizia, ma egli agisce lo stesso contro quel buon senso.
A meno che non pensiamo di vivere in una società di assassini, di pazzi scriteriati pronti sempre a sgozzare il vicino di casa, di criminali incalliti sotto mentite spoglie (e so che molti lo pensano, ma forse perché un po’ si sentono così, pur non avendo il coraggio di mostrarsi con quel volto), e a meno che non pensiamo che il buon senso, l’idea di giustizia e la volontà di trarre reciprocamente vantaggi dalla relazione con gli altri siano delle chimere e delle favolette, dobbiamo renderci conto che la maggioranza di chi in questi giorni se ne sta a casa lo fa non per obbedire ad una legge (come se, una volta privati di quella legge, iniziassero a scorrazzare liberamente per le strade) ma perché ragionevolmente persuasa da un’idea che viene prima della legge: non fare del male a sé e non recarne agli altri. 

Io non sto “obbedendo” all’imposizione di restare il più possibile a casa: io decido di stare a casa nei limiti delle mie necessità primarie. Io non sto “obbedendo” alla prudenza nella relazione con gli altri: io decido di prestare attenzione al modo con cui conduco i miei rapporti per evitare di farci del male. Io non sto “obbedendo” alla norma secondo cui bisogna evitare assembramenti: io ho capito, leggendo e informandomi, che stare in gruppo è rischioso e decido di non correre quel rischio. E tutto questo ben prima che la legge arrivi ad impormelo.
È del tutto evidente che una minima parte della popolazione, scarsamente informata e probabilmente imbestialita dalla paura accesa dai media e dall’incompetenza politica, non deciderà affatto di compiere quelle mie stesse scelte, ed è per questo che la legge arriva poi a frenare l’emorragia, attraverso multe, sanzioni e divieti. Ma la legge suggella qualcosa che la ragione ha già conquistato e ne rafforza le conseguenze individuali e sociali, temporaneamente. Sarebbe del tutto deviato e malevolo affermare che la maggior parte delle persone abbiano bisogno di quel pungolo: basta guardarsi intorno, vedere le vie delle maggiori città, evitando per un po’ il megafono emotivo dei giornali, per capire che le persone hanno deciso di chiudersi in casa e di seguire il buon senso prima che arrivasse la legge.
Ma convincerci di aver seguito il buon senso obbedendo ad una legge è una grande conquista del potere politico moderno. 

Infatti la legge, come ben notato da Michael Huemer nel suo “Il problema dell’autorità politica”, riesce ad arrivare al cuore delle persone assecondando quella ragionevole norma, e dopo aver creato una percezione di obbedienza (ma, lo ribadisco, alla ragione non si “obbedisce” poiché non è qualcosa che stia al di fuori di me) riesce a persuaderci della bontà di una serie di regole quantomeno discutibili. La nostra abitudine ad “obbedire” a qualcosa a cui non è possibile obbedire (uscire di casa in un momento di emergenza, evitare di recare danno a sé e agli altri) ci convince ad obbedire anche a tutto il resto. E questo è disastroso.
Perché, andando al supermercato, dovrei obbedire al divieto di acquistare articoli di cancelleria, solo perché un poliziotto ha interpretato la legge sui “beni di prima necessità” sulla base di quelle che secondo lui sarebbero le mie necessità? Quale ragionevolezza sta dietro al divieto di corsa nei limiti di qualche centinaio di metri da casa propria, lontano dal contatto con gli altri, nel momento in cui le code al supermercato sono molto più rischiose per quanto riguarda il contagio? E quale senso ha il restringimento degli orari di apertura di tali negozi, dal momento che ciò significherebbe un maggior quantitativo di persone in minor tempo? Ma soprattutto, per quale ragione l’esercito dovrebbe avere funzioni da pubblico ufficiale, dal momento che la mentalità di un soldato e il suo addestramento esulano in modo netto dalla gestione di una crisi di questo tipo?
Insomma, all’interno delle regole imposte in questi giorni alcune sono completamente fuori di testa, prive di criterio e affidate completamente all’arbitrio. 

È a queste regole che si finisce per “obbedire”, proprio perché non hanno nulla a che vedere con la ragionevolezza ma sono frutto di una decisione arbitraria e individuale di qualcuno che sta imponendo su di noi un certo potere che contraddice il buon senso. Ma esserci convinti di star obbedendo anche alle cose ragionevoli ci impedisce di valutare criticamente le cose meno ragionevoli, e questo porta ad un danno enorme.
Il danno è la nostra conseguente incapacità a valutare ogni singola norma con pensiero critico, non accorgendoci che il divieto di corsa e passeggiata potrebbe essere deleterio per qualcuno che vive in un monolocale di 50mq in centro a Milano e che minando la sua stabilità psicologica potrebbe creare gravi problemi sul medio-lungo termine. Potremmo non accorgerci che la presenza di soldati nel centro di una città causa un’esplosione di stress anziché di tranquillità, che le tensioni all’interno di nuclei familiari già provati potrebbe esplodere da un momento all’altro o che la prolungata lontananza da persone che si amano potrebbe portare a stati depressivi gravi e forse irrecuperabili. Obbedire a tutto ciò senza chiederci le ragioni che stanno dietro queste regole è semplicemente irrazionale. 

Ma non solo. Non distinguere più tra la ragione e l’obbedienza rischia di assuefare il nostro animo ad un autoritarismo sibillino che tenti di estendere le regole dello stato di eccezione (quelle a cui si deve obbedire, senza se e senza ma) al di fuori dell’emergenza in sé e per sé. Murray Rothbard lo ha descritto benissimo quando, criticando l’idea di “Stato ultraminimo” di Nozick, ha affermato che la natura stessa del potere è quella di prendere porzioni sempre maggiori di libertà, fino ad avviluppare tutto. E le regole temporanee, se non guardate con occhio vigile e critico, potrebbero non essere più temporanee: quante volte, nel corso della storia, l’emergenza si è fatta talmente pervasiva nella percezione popolare da diventare quotidiana, giustificando morbidamente le derive autoritarie? E per chi fosse convinto che questo in Europa non può succedere, guardate Viktor Orbán in Ungheria, il quale ha appena chiesto pieni poteri per sé a tempo indeterminato, uno stato di emergenza non più temporaneo che dovrebbe spaventare chi abbia davvero a cuore la libertà e la democrazia. Oggi in Italia c’è Giuseppe Conte, non esattamente il modello del despota orwelliano, ma che cosa potrebbe fare in questo stato di emergenza una personalità forte e determinata a chiudere i porti della nostra vita liberale? 

I media hanno preparato bene il terreno per questa situazione, instillando a fondo varie paure intercambiabili: prima quella per il cinese, poi per il veneto e il lombardo, poi per l’asintomatico (quindi virtualmente per tutti), ora è il turno dei runner. In questa spirale di idiozia perdiamo per strada la capacità e il coraggio di prendere le distanze dalle regole irragionevoli, quelle sì imposte poiché slegate da qualsiasi ragione, motivazione e lucidità. Ma siamo troppo impauriti per ammetterlo, forse addirittura per accorgercene.
Io non sto dicendo di disobbedire e metterci tutti a correre là fuori, sto dicendo che il meccanismo descritto va osservato con grande attenzione perché asseconda un istinto terribile e molto radicato nella cultura italiana: l’autoritarismo.
Lo si vede nella miriade di post-denuncia da parte di signori nessuno che fotografano gente che passeggia per strada urlando improperi (senza conoscere le motivazioni di quella passeggiata). Lo si vede nei toni dei giornalisti che mettono alla gogna una coppietta di fidanzati in giro per il centro di una città perché si tenevano la mano, dimenticandosi che pochi minuti prima quei due stavano a letto insieme (e la cosa davvero pericolosa è il giornalista che li avvicina, mannaggia a lui). Lo si vede nell’iper-reazione ad ogni comportamento o discorso che minimamente possa deviare dalla norma a cui obbedire incondizionatamente, di qualunque genere sia: eserciti nelle strade, divieto di comprare matite al supermercato o chiusura di ogni singola attività produttiva di questo povero Paese.
Si ritorna alla ragione comprendendo una volta per tutte un principio fondamentale: “Noi abbiamo deciso di stare a casa” e la legge è stata una conseguenza di questo riconoscimento. Obbediremo alla ragione, alla lucidità, al buon senso, ma non obbediremo all’autoritarismo, all’irrazionalità e alle intimazioni. Obbediremo alla nostra volontà di non farci del male, ma non obbediremo a chi infila mezzo miliardo di euro per Alitalia (di nuovo) nei finanziamenti destinati a questa crisi, qualche milione di euro per la RAI e altre cose rivoltanti che sfruttano la situazione per fare favori a chi di dovere. Non obbediremo mai a ciò che esula dalla nostra ragione. Perciò, non obbediremo. 

Si deve stare all’erta ora più che mai, ricordandoci che le regole emesse in stato di eccezione sono una parentesi e non la normalità. E che solo sapendo discernere tra le regole ragionevoli e quelle arbitrarie potremo richiedere a gran voce il ritorno alla decenza una volta terminata questa emergenza. Solo con la lucidità di pensare, di decidere, di scegliere che cosa fare con il tempo che abbiamo a disposizione, Covid-19 o non Covid-19.
Credo nella guarigione di questo Paese, a partire dal cervello.
Non credo, non ho mai creduto e mai crederò nell’obbedienza ad alcunché. 

Seneca nel Traffico a Firenze (22 gennaio)

Da non perdere, Filosofia, Spinoza & Popcorn

Il 22 gennaio sarò a Firenze per “Seneca nel Traffico“. Ne sono felice perché è da una vita che non passo in Toscana per un evento, quindi siateci, e non in pochi!
Per info e prenotazioni, il link da seguire è questo.
Per tutti gli eventi futuri, il link è questo!

gen_many

Undertale e la Mostruosità inattesa

filosofarsogood, Filosofia

Sabato prossimo 30 novembre uscirà il nuovo numero di FiloSoFarSoGood dedicato al tema del “Suicidio”. 17 articoli che sviscerano questo delicato argomento attraverso la filosofia e usando la cultura pop come grimaldello concettuale, per farci ragionare in modo diverso, più ampio e interessante! Se non vuoi perderti il numero segui il blog oppure iscriviti alla newsletter e riceverai direttamente nella casella di posta il link per acquistare il numero a soli 3 euro! 
Di seguito vi propongo l’articolo che ho scritto sul tema del Mostro nel precedente numero! Buona lettura. 
***

Il mostro è ciò che fai, non ciò che sei
di Rick DuFer

Hai mai guardato un mostro negli occhi?
L’abisso che ti guarda di rimando è ciò da cui fuggi sempre poiché ti ricorda che il mostro potrebbe essere proprio lì, dove stai tu. È facile accorgersi del mostro là fuori, ben più difficile osservare il mostro dentro di te.

7 RICK“Undertale”, videogioco indie sviluppato da Toby Fox nel 2015, è un labirinto nel quale siamo costretti ad ammettere che la mostruosità si nasconde nei luoghi più impensabili, e che l’umanità (o la “normalità”) è un concetto più sfuggente di quanto potessimo aspettarci. “Undertale” ci pone nei panni di un bambino caduto nel sottosuolo dove, in tempi antichi, gli uomini rinchiusero i mostri. Tutta la trama e il gameplay sono volti a sovvertire il ruolo che intuitivamente attribuiamo al mostro e all’umano, sorprendendo i nostri bias e costringendoci a rivederli profondamente.
In “Undertale”, i mostri che incontriamo ci possono spaventare e atterrire, di certo appaiono pericolosi e disgustosi, ma anche ridicoli e assurdi. Sans e Papyrus, due eccentrici scheletri, possono diventare amici o nemici sulla base del comportamento del giocatore, così come di fronte ad ogni mostro che ci attacchi possiamo scegliere se combatterlo oppure risparmiarne la vita (con meccaniche di gioco spesso esilaranti). Insomma, ciò che “Undertale” ci suggerisce è che il mostro non si nasconde in ciò che sei, ma in ciò che fai.

Siamo costretti ad essere liberi: liberi di uccidere o di risparmiare, di esercitare violenza oppure ridere di noi stessi. L’impossibilità di sfuggire alla libertà, concetto così controintuitivo di cui parla Sartre, caratterizza “Undertale” in modo profondo. Non possiamo che scegliere come comportarci, come rispondere alla paura o all’assurdo, quando siamo messi di fronte a ciò che ci appare come alieno. Noi creature viventi cerchiamo sempre un appiglio razionale per capire che cosa fare, e così ci costruiamo il concetto di “umanità” per giustificare le nostre azioni e quello di “mostruosità” per disegnare un confine oltre il quale ci sentiamo perduti. Ma queste sono finzioni, utili a rendere conto dei nostri gesti, per quanto orribili essi siano.
Di fronte al mostro è molto facile convincersi che esso corrisponda a ciò-che-si-è. In questo modo non solo la mia semplice appartenenza biologica all’umanità mi permette di non sentirmi un mostro, qualunque cosa faccia, ma soprattutto mi rende facile applicare i miei bias interpretativi a quello che mi si para di fronte: cos’è che rende Papyrus un mostro? Forse la sua apparenza di scheletro? Il suo strambo modo di vestire e di esprimersi? E Undyne, capo delle guardie a caccia di umani, perché è un mostro? È per la sua violenza?
La risposta che balugina tra i pixel di questa avventura è più complicata: è mostruoso tutto ciò che contraddice il mio modo di vedere il mondo. Tutto ciò che differisce da me, nelle azioni, nelle parole o nei comportamenti, tutto quello che non aderisce alla mia prospettiva. Tutto ciò che non mi somiglia, quello è il mostro. Tutto ciò a cui non sento di appartenere. Tutto ciò che sta al di fuori del confine di “normalità” che ho disegnato intorno a me, a mia immagine e somiglianza.

L’unico problema è che sto mentendo a me stesso. Quella che chiamo “normalità” è solo una storia che ho voluto raccontarmi, al fine di giustificare le mie azioni, anche le più riprovevoli, così come il “mostro” è un’altra storia che racconto per giustificare le azioni che ho compiuto contro ciò che differisce da me. “Mostro” è l’etichetta che affibbiamo a tutto quello che odiamo, anche quando il mostro sta dalla parte opposta.
Nella storia della filosofia, nessuno meglio di Kierkegaard ha reso giustizia a questo abisso nel quale guardare è così complicato. In aperta opposizione a tutti i tentativi di razionalizzare il mondo, ordinandolo attraverso categorie di convenienza, Kierkegaard ha affermato un principio che in “Undertale” erompe incontenibile: di fronte al mondo siamo completamente soli, senza guida né appigli, senza barriere che ci proteggano. Siamo in un rapporto assoluto con l’Assoluto, tanto per usare una formula a lui tanto cara.
Se il mondo rappresenta la diversità, il mio tentativo di ordinarlo secondo categorie è una favola impossibile. Di fronte a quella diversità irriducibile le mie categorie annichiliscono, ed è lì che io incontro il mio destino: quello che faccio di fronte alla diversità mi qualifica, non ciò che sono, né la fantasiosa appartenenza ad un qualche gruppo sociale. Di fronte al mondo non sono umano, non sono un mostro, non sono buono né cattivo, non sono concetti: sono il Singolo che si scontra con l’imponderabile, che si misura con lo smisurato, che diventa ciò che è sulla base del proprio agire.

Ecco la vera condanna alla libertà: rendersi conto che non esistono le istruzioni per la vita, che l’etica è insufficiente per rendere conto delle nostre nefandezze o dei nostri prodigi. Dobbiamo renderci conto che “umanità” e “mostruosità” sono formulette buone per quando offriamo le nostre maschere all’oratorio o in parrocchia, ma che annichiliscono nel momento in cui siamo da soli di fronte al mondo.
La vita è esattamente come l’avventura nel sottosuolo che “Undertale” ci presenta: da soli, di fronte ad un mondo di cui capiamo poco o nulla, siamo costretti a disfarci continuamente delle categorie che in passato abbiamo creduto tanto vere. Mostri e umani non sono ciò che pensavamo, e per quanto io possa essere stato considerato un santo dai miei simili, potrei essere un flagello per chi mi è diverso. E in “Undertale”, le tue azioni ti definiscono molto più di quanto le tue illusioni possano fare: un bambino, un mostro oppure un santo? Probabilmente tutti e tre, ma in modi inaspettati.
Il mondo è la sfida di fronte a cui siamo chiamati a rispondere. Il pericolo, guardando l’abisso, è accorgersi che nelle sue profondità io sia la cosa peggiore mai vista nella mia vita.

Da quel punto, risalire verso l’umanità, qualunque cosa significhi, è la vera utopia che ci rimane.

***
Per leggere gli altri articoli del precedente numero di FiloSoFarSoGood, clicca QUI

Spinoza & Popcorn: il mio nuovo libro

Da non perdere, Filosofia, Spinoza & Popcorn

Da oggi è possibile pre-ordinare su Amazon il mio nuovo libro “Spinoza & Popcorn“, edizioni De Agostini, che verrà poi pubblicato a partire dal 1° ottobre! Il pre-ordine si può fare da QUI.
(pre-ordinando si è abbastanza sicuri di ricevere il libro nella data di pubblicazione, al massimo il giorno dopo, mentre aspettando il giorno di uscita i tempi potrebbero allungarsi)

Ieri sera ho tenuto una live dove racconto un po’ che cos’è questo libro, cosa si trova al suo interno e com’è nata l’idea! La live puoi recuperarla QUI!
Collaborare con Daniel Cuello (illustratore) è stato meraviglioso e all’interno del libro troverete molte sue illustrazioni, originali e spassose, nonché le vignette di fine capitolo dal titolo “Cos’ha capito Daniel?” (meravigliose!!!)

Presto saranno pubblicate tutte le date di presentazione (alcune già sono disponibili) e ti consiglio di tenere d’occhio QUESTO link per non perdere la data nella tua città!

Schermata 2019-09-16 alle 14.06.45

IMG_1669