Martedì Sberle: non essere zio Vania

Mercoledì 6 giugno esce in tutte le librerie il mio nuovo libro “Elogio dell’idiozia”. QUI puoi prenotare la tua copia. Inoltre, domenica 3 giugno sarò a Roma per presentarlo in anteprima assoluta, QUI puoi prenotare il posto per non mancare. A Milano il libro verrà presentato invece venerdì 8 giugno, QUI l’evento. 
***

Non sei mai abbastanza.
Questa frase più che una sberla potrebbe sembrare un pugno di rottura del setto nasale. Quante volte sono atterrito dalla possibilità di non essere mai abbastanza? Quante volte sono bloccato, immobilizzato dalla consapevolezza che, non essendo mai abbastanza, non riuscirò nell’intento che mi sono prefissato?

È una fretta insana. Vuol dire cercare di fare in migliaia di anni quello che dovrebbe richiederne milioni e milioni, ammesso e non concesso che debba andare così, e io lo ritengo altamente improbabile. Nessuno è mai stato concepito per tenere questo ritmo, che è fatale! E non dirmi che è evoluzione, Edward, non sta certo a te decidere se continuare a evolvere o no. Quelle che fai tu, per tua stessa ammissione, è qualcosa di ben diverso. Tu, mi dispiace moltissimo dirlo, stai cercando di migliorare te stesso. E questo è innaturale, disobbediente, presuntuoso, e potrei aggiungere volgare, piccolo borghese e materialistico.

Con queste parole lo zio Vania, nello spassoso Il più grande uomo scimmia del Pleistocene di Roy Lewis, redarguisce Edward, indaffarato in quel millenario intento che chiamiamo “migliorare se stesso”. Zio Vania detesta chi cerca di migliorare se stesso, semplicemente perché è convinto che esistano forze che faranno il loro dovere al posto suo, ma soprattutto determinato nell’affermare l’impotenza dell’individuo nei confronti della natura e il primato di quest’ultima negli accadimenti del mondo.
Sia lo zio Vania che Edward si pongono incessantemente il problema da cui abbiamo iniziato: non sei mai abbastanza. Non sei mai abbastanza bravo da poter controllare la tua vita, non sei mai abbastanza in alto da poter comprendere tutto quello che ti sta attorno, non sei mai abbastanza da riuscire a raggiungere gli obiettivi che ti sei posto. Ma la reazione che essi mettono in atto nei confronti di queste considerazioni è diametralmente opposta.
Se da un lato infatti zio Vania resta immobile, convinto che quel “non essere mai abbastanza” sia un limite invalicabile del mondo, un ostacolo insormontabile che impedirà qualsiasi possibile azione legittima e di successo, Edward non smette di dimenarsi e di muoversi nel tentativo di scalare quella montagna infinita che è il progresso umano. Ma la vera differenza tra i due sta nel racconto consolatorio che lo zio Vania pone a giustificazione della sua immobilità. Infatti, egli resta immobile in “contemplazione” del mondo, fermo nella sua decisione di non fare alcun passo in nessuna direzione, semplicemente perché racconta a se stesso che la natura non può essere vinta, che ad essa non ci si possa sostituire. Quante volte sentiamo questa giustificazione? “Dobbiamo fermarci perché non possiamo giocare a fare dio!” Ma ovviamente, tra l’essere una divinità e il contemplare la natura immobile come una betulla ce ne passa. Edward, al contrario di zio Vania, non vuole affatto sostituirsi a dio, scavalcare la natura ed entrare in controllo del mondo, non è questo ciò che lo spinge a scoprire il fuoco e tentare di domarlo, costruire la ruota e imparare ad usarla, esplorare le terre circostanti per vedere che cosa c’è nel mondo. Non è al fine di diventare dominatore dell’universo, ma al semplice scopo di raggiungere uno spicchio di felicità.
Ciò che spicca dal discorso di zio Vania è infatti un rancore infinito, dovuto forse a qualche fallimento mai metabolizzato nel corso della vita. Vania non può più mettersi alla ricerca di qualcosa poiché, in quell’unica occasione nella quale ha tentato, egli ha fallito miseramente. Allora è vero che “non siamo mai abbastanza”: è sempre il fallimento ad attenderci dietro l’angolo. Il problema è che se il nostro intento è quello di raggiungere d’un sol salto ogni traguardo, il fallimento diventerà la scusa buona per non tentare mai più, per convincersi anzi che nessuno dovrebbe tentare mai più. Zio Vania è infelice poiché dai suoi fallimenti (che il libro non ci narra, ma che possiamo certamente intuire) ha imparato non solo che non si può avere successo, ma che nessuno dovrebbe mai più tentare di avere successo.
La spensierata idiozia di Edward è invece aria fresca, quando lo vediamo tentare e ritentare, continuamente fermato da fallimenti straordinari, costantemente colpito dall’evidenza di non essere mai abbastanza, ma voglioso di rilanciare ancora una volta per raggiungere quel poco di felicità che ogni essere sulla Terra deve potersi conquistare. Edward sa perfettamente di non poter avverare d’un solo colpo tutti quanti i suoi desideri, anzi: sa che il 99,7% dei suoi tentativi verrà frustrato da fallimenti ridicoli ed eroici. Ma gli sta bene così: la felicità sta in quello 0,3% e il suo compito non sarà quello di aumentare quella percentuale, ma di riviverla continuamente, più volte possibile, ritagliandosi indefinitamente una piccola felicità in mezzo ai fallimenti della vita.
Non sei mai abbastanza, questa è una verità incontrovertibile.
Chiediti se sei zio Vania, e di fronte a quella considerazione sentirti autorizzato all’infelicità e a desiderare il fallimento altrui o se sei Edward, e di fronte all’evidenza continuare gaiamente a ritagliarti i piccoli momenti di felicità che la vita riserva a chi non contempla il mondo come un vegetale.
Per questo compito io credo di essere abbastanza.

Annunci

Libro del Mese: febbraio 2018

Cosa si prova ad essere nudi di fronte alla vita? 
Sciogliere tutti gli orpelli, disfare le maschere, distruggere gli idoli, al fine di mostrarsi (e osservarsi) senza vesti, senza pelle, completamente disincarnato, l’anima esposta al mondo e priva di protezioni. C’è qualcosa che ci fa più paura, qualcosa di più inesprimibile di questo? 

Con il mese di febbraio 2018 ho deciso di inserire, all’interno della biblioteca filosofica “Libri del Mese“, che ormai da un anno i miei Mecenati vanno costruendosi, alcuni romanzi che veicolino in modo spiccato riflessioni filosofiche. Ho la convinzione che un romanzo possa esprimere molta più filosofia di un trattato, quando scritto come si deve, così per questo mese sarà “Memorie dal sottosuolo” di Dostoevskij il romanzo che verrà spedito direttamente a casa dei miei Mecenati di livello 6 (o superiore). Uno dei romanzi che mi hanno davvero cambiato la vita!
Come sempre, il libro sarà corredato da una scheda di lettura che faciliti la comprensione del testo e, se volete avere l’opportunità di riceverlo a casa, avete tempo fino al 31 gennaio per aderire al mio programma Patreon!

Che Cos’è Accademia Orwell?

Accademia Orwell, la mia scuola di creatività e narrazione, riapre le porte!

flyer_presentazione

LOVECRAFTIAN NIGHTS: cinema, letteratura e Cosmic Horror

“Il fondamento del vero Cosmic Horror è la violazione dell’ordine naturale,
e le più profonde violazioni sono sempre le meno concrete e descrivibili.”
H.P. Lovecraft 

azatotAlcuni sostengono che la paura sia il sentimento più profondo e ancestrale dell’essere umano. Eppure, come dice Lovecraft: “Qualcosa stava brulicando e brulicando, e aspettava solo di essere visto e percepito e sentito“, qualcosa al di sotto della paura e al di sotto di ogni cosa possiamo descrivere e comprendere: la paura è troppo razionale per l’Orrore Cosmico.

Il cinema e la letteratura del Novecento sono stati perseguitati dall’idea che, al di sotto delle parole e delle idee, al di sotto della realtà e dell’esperienza, esista qualcosa che “brulica”, attendendo non di essere definita, ma di presentarsi innominabile ai nostri sensi. Lovecraft è l’autore che più di ogni altro si è avvicinato a percepire questo vasto, terribile territorio, un mondo oltre il mondo che non conosce nomi, identità, pace. Continua a leggere “LOVECRAFTIAN NIGHTS: cinema, letteratura e Cosmic Horror”

Scrittura Creativa su Youtube: Lezione 10

Continua l’avventura della mia prima classe virtuale nel mio corso di Scrittura Creativa su YouTube!

In questo ultimo incontro affronteremo la narrativa di Italo Calvino, cercheremo di ricostruire il percorso che dalla realtà porta all’immaginazione, e viceversa. Dalle Cosmicomiche alle Città Invisibili, dall’astronomia all’architettura e all’etnografia, con il vero maestro della letteratura italiana del secolo scorso (e direi anche di quello presente).

Tra teoria ed esercizi, ci possiamo vedere in Live domenica 31 luglio alle 20.30 sul mio canale YouTube! Non mancate!

Per iscrizioni (sotto trovate le quote e il programma), clicca QUI!
Per info: dalferro.ric@gmail.com
Per non perderti aggiornamenti, seguimi su Telegram

Vi ricordo che non è tardi per iscrivervi, anzi: c’è ancora la possibilità di recuperare in differita le precedenti lezioni e, nel caso, di iscriversi per l’intero ciclo di lezioni che ci terrà incollati alla creatività fino a fine luglio!