Swiss Army Man e lo Scandalo della Vita

Che cos’è lo scandalo?
Lo scandalo è quell’elemento della vita che tutti condividiamo necessariamente ma che nessuno ha il coraggio di mostrare agli altri. Per esempio, le scoregge: tutti scoreggiamo, tutti emettiamo gas di scarico dal deretano, ma nessuno di noi si sognerebbe di scoreggiare in pubblico (o perlomeno, nessuno lo farebbe emettendo un suono che segnali il suo gesto in modo incontrovertibile). Persino le donzelle più dolci scoreggiano, e così come loro anche i preti e gli asceti medievali. Eppure, agiamo come se le scoregge fossero estranee alla nostra vita, come se dovessimo seppellirle sotto una maschera. Tutti noi maschietti abbiamo delle erezioni, e spesso queste guidano la nostra vita più dei pensieri razionali, ma nessuno si sognerebbe di mostrare a tutti in pubblico la propria erezione, a meno che non voglia essere denunciato per molestie.
Tutti moriamo, ma nessuno mostra la propria morte, né desidera manifestare la paura del morire.
Swiss Army Man è un piccolo gioiello che parla dello scandalo e della vergogna che esso porta con sé. Un fantastico viaggio, una rara perla di originalità cinematografica che mette in mostra lo scandalo della morte, che scoreggia, si fa guidare da erezioni e ci lascia attoniti, basiti, privi di appigli razionali per capire cosa diavolo stia succedendo alla nostra vita.
In fondo, lo scandalo è la vita stessa, solo che preferiamo non accorgercene e anzi, viviamo come se vivere fosse la cosa più normale del mondo.
Ma non è così.

“And when we meet on a cloud / I’ll be laughing out loud / I’ll be laughing with everyone I see / can’t believe / how strange it is to be anything / at all”

Annunci