Dirk Gently 2: una Super-Delusione

Devo ammetterlo: le mie aspettative erano molto alte.
Ma non posso comunque pensare che fosse questo il problema stavolta. Perché se la prima stagione di Dirk Gently era stata un piccolo gioiello di narrativa, perfettamente aderente allo spirito con cui Douglas Adams aveva scritto i racconti riguardanti l’investigatore olistico per eccellenza, la seconda stagione non è soltanto un abbassamento dei livelli, è semplicemente… non Dirk Gently.
Max Landis aveva creato la serie patafisica perfetta, sia nella sceneggiatura che nella messa in scena e nelle interpretazioni. La prima stagione della serie targata BBC era stata uno degli eventi cinematografici più interessanti dello scorso anno.
Ma tutti gli elementi che caratterizzavano l’originalità della serie nella prima stagione, come per esempio la non necessità di dare una spiegazione razionale ad avvenimenti completamente assurdi, l’incoerenza comportamentale a volte spiazzante dei personaggi, l’iperbole narrativa spaesante che lasciava lo spettatore a bocca spalancata ma senza fargli pesare l’estraneità alla comprensione, tutto ciò viene perduto e sovvertito nella seconda stagione, trasformando Dirk Gently in una normalissima serie fantasy priva di originalità e divertimento. Persino il meraviglioso (nella prima stagione) Trio Chiassoso, elemento di pura schizofrenia narrativa che creava uno scompiglio perfetto per mandare avanti il motore della serie, in questa seconda stagione diventa una macchietta metaforica priva di spessore.
E questo non ha a che fare solo con le mie aspettative. È come se dalla serie TV futura sul Signore degli Anelli togliessero tutti i riferimenti a Sauron, tutti i rimandi all’eroismo decaduto di Gondor, tutto ciò che concerne la magia e gli elfi.
A quanto pare, la serie è risultata così indigesta che la BBC ha deciso di cancellarla e non rinnovarla per una terza stagione. Se di primo acchito questo poteva sembrare un danno (l’ho saputo prima di guardare la seconda stagione), ora posso dirlo: Dirk Gently dura soltanto una stagione. E se non l’avete vista, guardatela.

Annunci

I Prossimi Appuntamenti

I mesi di marzo e aprile saranno pieno di occasioni per vederci, incontrarci, conoscerci, scambiarci due chiacchiere filosofiche e bere qualcosa insieme! Quindi, mi pareva opportuno riassumere in un post tutte quelle occasioni!

frecciaSabato 5 marzo, presso il Frecciarossa di Brescia, si terrà un incontro in compagnia di altri youtubers come Adrian Fartade, Zoosparkle e Dario Moccia! Al mattino, dalle 11 alle 13, terremo dei laboratori e degli stand (io vi metterò in gioco con una bella Agorà di argomentazione), mentre nel pomeriggio ci sarà una conferenza vertente sull’argomento della robotica! Sarà davvero una bellissima occasione, non mancate!

twdGiovedì 10 marzo continua la rassegna tra filosofia e serie TV “Cose Serie”, presso Arcadia a Schio! Proietteremo il pilot di “The Walking Dead” e poi apriremo un dibattito dal titolo: “La viralità non è solo una questione fisica”, dove discuteremo dei meme, delle idee virali e di come riconoscere un’idea fallace e magari dannosa!

padovafbMartedì 22 marzo presenterò il mio romanzo “I Pianeti Impossibili” a Padova, presso l’Associazione DOMNA, che da aprile ospiterà anche due miei corsi: uno di scrittura creativa e l’altro di filosofia! Una serata tra realtà e immaginazione dove sarà possibile anche acquistare una copia del romanzo! Non mancate!

milanoSabato 26 marzo, in occasione del “Tolkien Reading Day”, ho organizzato un raduno a Milano, a Parco Sempione, dalle 11 alle 18! Parleremo di Tolkien e filosofia, ma soprattutto staremo insieme un’intera giornata, ci divertiremo, mangeremo e rideremo, mettendo in moto i servomeccanismi del cervello! Ci saranno anche altri personaggi poco raccomandabili, come Luca e Riccardo del canale “Da Grande Voglio Fare il Buddha“, quindi vi aspettiamo numerosi!

Dal 7 al 10 aprile (ma ancora è tutto da confermare) dovrei essere di nuovo a Genova per un evento sulla divulgazione, ma presto vi darò maggiori dettagli!

bozza_flyerIl 15 e il 16 aprile sarò infine a Roma, dove terrò due spettacoli di Stand-Up Philosophy presso il club HulaHoop! Saranno due serate eccezionali dove metteremo insieme risate e pensiero! In fin dei conti, cosa c’è di più comico dell’atto di pensare? Non vedo l’ora di essere in capitale!

Quindi, un sacco di occasioni, segnatevele tutte e… NIENTE PANICO! Ci vediamo presto!